Home / Focus / Ryzen 1600: incidenza core clock e RAM

Ryzen 1600: incidenza core clock e RAM

Introduzione

Ne abbiamo lette tante negli ultimi periodi sugli ultimi nati in casa AMD, ci siamo perciò muniti di una piattaforma X370 e abbiamo cominciato a testare questi particolari ambiti. Questa non vuole essere una recensione perchè non tratterà il prodotto nella sua interezza, ma vuol mirare a fare chiarezza sulle informazioni che giornalmente ci vengono fornite.

L’hardware utilizzato è questo qui:

  • Ryzen 1600
  • Asrock x370 Fatal1ty k4
  • 32Gb Corsair Vengeance LPX 3000
  • Corsair RM1000i
  • GTX 1050ti strix

Il nostro focus verrà suddiviso in diverse parti, quella dedicata alla sola incidenza della CPU e quella in combo con le prestazioni della GPU.

Per le prestazioni a livello di temperature QUI trovate le ultime recensioni sui dissipatori AM4 che abbiamo recensito!

Ho eseguito alcuni dei benchmark più famosi, sono partito da CPU e RAM stock, quindi frequenza normale per il Ryzen 1600 e 2133 MHZ per le ram. Poi ho optato per un Overclock della CPU a 3825 MHZ con 1.31v, per concludere ho attivato il profilo XMP 2.0 delle RAM che le hanno portate solide a 2933 MHZ con 15-17-17-35, mantenendo ovviamente la CPU in overclock.

I primi test li ho eseguiti con i benchmark Cinebench.

Come si evince dai nostri test, l’incidenza dell’overclock delle RAM portano benefici più sul multicore che sul singolo core.

Proseguiamo con il benchmark di HWR basato su blender.

Il valore più basso è meglio, l’incidenza della RAM è chiara.


Passiamo a Wprime 1024.

Più basso è meglio.

Aida Suite.

Più alto è meglio.

CPU-Z Benchmark.

 

BenchMark dove CPU e GPU lavorano insieme, la GPU è stata lasciata stock nei test

.

Noterete che nei nostri benchmark le RAM non hanno portato quel boost che tanto si legge in giro, ma un normale incremento prestazionale dovuto dal lavorare a frequenza più elevata. Potete confrontare questi risultati con quelli ottenuti dalla GTX 1050 ti strix nelle nostre recensioni.

3Dmark Firestrike.

Unigine Heaven.

Hitman.

Rise of the Tomb Rider.

Shadow of Mordor.

Crysis 3.

Questo è uno dei nostri primi articoli dedicati alla nuova piattaforma AMD, ne seguiranno altri, ognuno dedicato ad uno specifico ambiente, cosi da svelarne i segreti e comprenderne alla perfezione le prestazioni.

Questo non è una recensione ma un focus, questi ultimi finiscono sempre con una opinione. Bene dopo qualche giorno in compagnia della nuova piattaforma AM4 e del piccolo Ryzen 5 1600 non possiamo che dire: Gran lavoro AMD!
Era veramente mancato qualcosa di competitivo da questa azienda lato CPU, veramente mancato per troppo tempo!

Le schede madri sono in continuo aggiornamento, i nostri complimenti non possono che andare ad Asrock, la X370 Fatal1ty è una bella e grande scheda madre.

Lato CPU il 1600 è un piccolo gioiello, un 6 core facile da overcloccare e con un prezzo decisamente molto competitivo. A nostra opinione la CPU più conveniente al momento e sicuramente la più duttile in ambito lavorativo e gaming.

Le RAM Corsair utilizzate si sono fatte overcloccare in un secondo mediante profilo XMP, alla faccia dei problemi che questa piattaforma sembra avere con le frequenze delle memorie.

Concludiamo rispondendo alla domanda che c’eravamo posti inizialmente, cioè quanto incidano core clock e frequenza delle RAM. Bene il primo ha una incidenza decisamente molto netta in tutti gli ambiti, per questo riguarda la seconda parte dipende dall’uso che il programma fa delle memorie. Ricordate bene che i test eseguiti sui giochi sono con una GTX 1050 ti, scheda video di fascia medio bassa, che ovviamente beneficia meno di una fascia alta dell’aumento prestazionale di CPU e RAM. Se avremo modo proveremo con GPU più performanti.

Sperando che abbiate apprezzato l’articolo vi confermo la bontà del lavoro fatto da AMD.

Indice

Check Also

PhysX, scheda video dedicata? Ne vale pena?

IntroduzioneUna delle curiosità che attrae alcuni gamers ciclicamente è la questione relativa a PhysX e …