Home / Games / Games Battle – Borderlands

Games Battle – Borderlands

Bordelands!

Benvenuti nella nostra rubrica Games battle!
In questa rubrica analizzeremo una coppia (o un trio) di giochi/saghe iconiche appartenenti allo stesso tema, saghe che non possono mancare nella libreria di ogni giocatore, confrontandoli tra di loro e rispetto ad alcuni più moderni!
In calce ad ogni articolo saranno presenti anche i vari store di key dove poter acquistare i titoli al minor prezzo!
Il tema di questo mese è FPS-RPG, una fusione di generi molto interessante, e per questo primo scontro sull’angolo sinistro del ring: BORDERLANDS!

  • Sviluppatore: Gearbox Software
  • Publisher: 2k games
  • Data di uscita: 23 ottobre 2009
  • Piattaforme: steam, ps3, ps4, xbox 360

INNOVAZIONE!

Borderlands è un FPS con forti elementi RPG,  è stato uno dei primi giochi a proporre un simile mix di generi ed è riuscito completamente nel suo scopo.

In Borderlands ricropriremo i panni di un mercenario assoldato per ritrovare un fantomatico tesoro alieno sul pianeta Pandora, un pianeta pieno di pericoli ed insidie, governato dalla legge del più forte.

Il gioco si presenta come un classico RPG, ma con una visuale e sistema di shooting FPS. Il gioco quindi è dotato di  un sistema di quest diviso in primarie e secondarie, alcune di grande spessore, un sistema di classi (4 disponibili) abbastanza dettagliato,  un sistema di progressione e crescita dei personaggi basati sul livello e un sistema di loot ben definito e implementato alla perfezione.

Le classi almeno per il primo capitolo risulteranno abbastanza basilari e spazieranno dal “soldato” ottimo per ingaggi dalla media distanza, al cacciatore per chi preferisce un gameplay più ragionato sulla lunga distanza, o per esempio il Berserker che adorerà attaccare in mischia e la siren un mix tra un mago ed un “rogue”.

Le quest risulteranno, soprattutto agli appassionati di RPG classici, molto basilari e ripetitive seguendo la formula uccidi/raccogli tot elementi e ritorna, l’elemento che le rende uniche e divertenti è il comparto narrativo, che,  soprattutto nelle quest secondarie, risulta essere coinvolgente e umoristico.

Why so seriuos?

Borderlands è un titolo divertente, in alcuni tratti folle se vogliamo, dotato di decine di centinaia di armi diverse e di personalizzazioni applicabili che rendono uccidere i vari nemici un vero piacere. Anche la narrazione è complice di questa sensazione, infatti tutto il titolo sarà pervaso da un umorismo che spazia dal becero e rozzo al sottile e brillante accontentando – e divertendo – tutti i palati. La saga intera tratta anche di alcuni temi più seriosi certo, ma questi argomenti vengono affrontati con una schiettezza e un umorismo che non fanno prigionieri rendendo il titolo divertente e mai pesante.

Alcuni personaggi, come i claptrap, piccoli robottini tutto fare , riusciranno anche nelle fasi “morte” a regalarvi qualche sorriso ispirati da un’ironia continua che riesce a smorzare la ripetitività di alcune missioni.

 Uccidere non è mai stato così divertente

Il gameplay di Borderlands è scandito da 3 azioni principali: esplora, uccidi e raccogli. Saremo sempre alla ricerca di un nuovo upgrade o di un nuovo giocattolino, che ci faciliterà – e renderà più divertente – l’uccisione dei vari nemici o boss presenti nel gioco.

Uno dei problemi principali del gioco sono i nemici, infatti essi risultano essere poco vari, anche se alcuni molto ispirati e particolari, e alquanto stupidi. Tuttavia anche se l’IA è particolarmente basilare in questo titolo, difetti che però vengono quasi completamente annullati dalle molteplici possibilità di uccisione, e dal fornitissimo arsenale di armi che potranno essere potenziate con diversi elementi per garantire vari effetti e bonus sui i nemici, per esempio l’elettricità aiuterà ad uccidere i nemici dotati di scudo e l’acido quelli dotati di armatura.

Un gameplay molto divertente ed accattivante in singleplayer ma che raggiunge il suo apice in coop con altri 4 giocatori, i nemici diventeranno più forti richiedendo una totale collaborazione da parte del team, e il sistema di classi  riesce dare il massimo in questa modalità,  rendendo tutte le abilità complementari.

Un gameplay quindi unico e molto divertente, frenetico e caratterizzato da momenti esilaranti.

Uno stile unico!

Il comparto tecnico del primo borderlands utilizza una versione cel-shading modificata dell’Unreal engine 3 che gli dona uno stile grafico unico e totalmente adeguato al “feeling” del gioco,  sembrerà di essere in un fumetto e anche se sono presenti alcune texture di bassa qualità il gioco si difende benissimo ancora oggi grazie al proprio stile unico.

Anche le musiche combaceranno perfettamente con il titolo riuscendo a coinvolgere pienamente il giocatore nella avventura e nell’azione.

 

Check Also

Prova

Per la prima volta in redazione ci troviamo a recensire una scheda madre chipset X370 …