Home / Games / Mad Max: la nostra recensione

Mad Max: la nostra recensione

Mad-Max-PC

In un mondo post-apocalittico, si sa, la vita non è delle migliori, i ragazzi di Avalanche Studios, però, se la cavano egregiamente! Pubblicato dalla Warner Bros. Entertainment, questo titolo, è basato sull’omonima serie di film: rilasciato in Europa per PC e Console il 4 Settembre 2015, Mad Max, sembra sfruttare al meglio il motore grafico Avalanche Engine (lo stesso di Just Cause) garantendo un’esperienza visiva ed immersiva senza eguali in questo meraviglioso (e spietato) deserto post-apocalittico!

Storia e Personaggi

mad-max-game-thumb

Il mondo è stato sconvolto da un olocausto nucleare, i pochi sopravvissuti rimasti si sono coalizzati in bande ed hanno dato vita ad un mondo fatto di razzie, saccheggi, omicidi e violenza a bordo di bolidi modificati ed armati per resistere alla guerriglia tra bande! Oltre la morale delle persone, anche il paesaggio ne ha risentito: deserto a perdita d’occhio! In questo scenario incontriamo, alla guida del suo bolide, Max che, fin dai primi minuti di gioco, sembra aver un passato pieno di dolore. E’ nel momento in cui ricorda il passato che, preso alla sprovvista, viene attaccato e sconfitto dalla banda di Scrotus. Depredato di tutti i suoi averi (macchina compresa), inizia così, dopo aver incontrato Chumbucket (un esperto e alquanto eccentrico meccanico), il suo viaggio attraverso le Terre Desolate alla ricerca della vendetta!

Il gioco

mad-max-promo-art

Il titolo è un Action-Adventure in terza persona avente, come punto forte, una parte dedicata a gare e combattimenti coi veicoli. E’ un free-roaming con una mappa tutta da esplorare: è suddivisa in territori sotto il controllo di varie bande di spietati sciacalli, aventi accampamenti, postazioni per i cecchini, rifugi e “spaventapasseri” (delle effigi per spaventare i viandanti avvertendoli dei pericoli). Come ogni free-roaming che si rispetti vi è un’infinità di cose da poter fare: dal razziare accampamenti (per scovare benzina, cibo e munizioni) all’aiutare randomici viandanti (in cambio di preziose informazioni) passando per lo “svelare” la mappa attraverso delle mongolfiere poste in diverse zone (i punti di sincronizzazione che AC ci ha fatto ben conoscere, insomma), sono disponibili inoltre delle fortezze (sbloccabili nel corso della storia) dove saranno disponibili missioni secondarie per aggiornare e migliorare la fortezza stessa. Buona parte del game la si passa sul veicolo: interamente personalizzabile! Per difendersi dai predatori lo si può equipaggiare con le più svariate armi: dai fucili da cecchino agli arpioni! Durante le missioni (e nel roaming a caso) verremo più volte messi alla prova con momenti di pura e sana violenza a mani nude! Esplorando gli accampamenti (e proseguendo con la storia) dovremo fronteggiare diverse bande (ognuna avente membri particolari) e ostici boss che metteranno alla prova le nostre skill e i nostri riflessi da videogiocatore! Anche Max è personalizzabile: oltre a barba e capelli, si potranno equipaggiare vestiti più robusti, armi più letali e si sbloccheranno skill che ci permetteranno di vincere sempre più facilmente i combattimenti a mani nude!

La Magnum Opus

Quando incontreremo Chumbucket ci verrà proposto (dato che la nostra macchina è stata smantellata dai banditi) un veicolo che rappresenta il non plus ultra della meccanica: la Magnum Opus! Questo veicolo verrà via via completato col progredire della storia e saranno potenziabili diverse caratteristiche tra cui: motore, arpioni, ruote, tubi di scarico, ecc. Sono presenti inoltre gli “Arcangeli“: particolari veicoli composti da particolari componenti che possono essere creati nel corso della storia. Non solo la Magnum Opus: qualsiasi veicolo che troviamo potrà essere guidato e portato nella fortezza per sbloccarlo!

2015-09-14_00004

Max

Anche Max avrà bisogno di stare al passo con i tempi! Questo è il suo menù, qui possiamo equipaggiare vestiti, capigliature e quant’altro per rendere il nostro pg estremamente letale! E’ presente anche una parte dedicata al potenziamento delle abilità: uno strano viandante di nome Griffa ci aiuterà a “scoprire” noi stessi: ogni volta che lo andremo a trovare potremo usare dei punti abilità guadagnati con la storia e con le razzie per potenziare alcune nostre caratteristiche quali, ad esempio: salute, fortuna, attacco, ecc.

2015-09-14_00003

Mappa

Come detto in precedenza: la mappa è molto grande e si divide in territori di pertinenza di più bande. Avremo degli amici nelle fortezze ma, queste, saranno solamente oasi di pace in un deserto pieno di pericoli!

2015-09-14_00005

Grafica e Requisiti Minimi/Raccomandati

Settaggi Grafici:

2015-09-14_00001

2015-09-14_00002

Requisiti Minimi:

CPU: Intel Core i5-650, 3.2 GHz o AMD Phenom II X4 965, 3.4 Ghz

Memoria: 6 GB RAM 

GPU: NVIDIA GeForce GTX 660ti (2 GB Memoria o Superiore) o AMD Radeon HD 7870 (2 GB Memoria o superiore) 

HDD: 32 GB

Requisiti Raccomandati:

CPU: Intel Core i7-3770, 3.4 GHz o AMD FX-8350, 4.0 GHz 

Memory: 8 GB RAM 

Graphics: NVIDIA GeForce GTX 760 (3 GB Memoria o Superiore) o AMD Radeon HD 7970 (3 GB Memoria o Superiore)

HDD: 32 GB

Test e Immagini di gioco

Il gioco è stato testato sulla seguente piattaforma:
– Gigabyte Z97X Soc
– Intel 4690k 3.9 Ghz
– 8 GB Ram DDR3 1600 Mhz
– Asus 780 ti matrix 1200/1875

Test effettuato a 2560×1440 con i settaggi massimi escluso SSAO e AA:

Medi: 101

Max: 183

Min: 76

2015-09-14_00006

2015-09-14_00007

2015-09-14_00008

2015-09-14_00009

2015-09-14_00010

2015-09-14_00011

2015-09-14_00012

2015-09-14_00013

2015-09-14_00014

2015-09-14_00015

Conclusioni

Il titolo se la cava egregiamente: 60 fps fissi in 2k, i dettagli ben sono curati, in alcuni punti, però, lasciano a desiderare! Le meccaniche di gioco e il gameplay non sono così “nuovi” come ci si aspetta, i combattimenti a mani nude, dopo qualche scontro, sono facilmente terminabili senza danni e, gli scontri con le auto, soffrono della stessa problematica, il titolo, infatti, diventa ripetitivo alla lunga! La storia è poco rilevante nella vastità della mappa: è facile perdersi nel razziare accampamenti piuttosto che continuare la trama che, a dirla tutta, non si discosta da quello che si fa durante il free-roaming! Il paesaggio, però, è spettacolare! Il ciclo giorno/notte, con i suoi relativi cambiamenti dell’IA (i fari vengono avvistati meglio dalle pattuglie nemiche di notte), è ben sviluppato; la “corsa agli armamenti”, inoltre, rende avvincente il completamento dei vari obiettivi per costruire il veicolo da guerra per eccellenza! Come per “L’Ombra di Mordor” esiste una modalità fotografica molto simpatica che permette di immortalare momenti spettacolari mentre si gioca. In conclusione: il titolo offre un gameplay non troppo impegnativo e, per passare qualche ora a prendere a pugni poveri banditi e macinare Km nel deserto facendo esplodere interi convogli, non si può chiedere di meglio!

 

 

 

Check Also

Contattaci per acquistare