Home / Games / Star War Battlefornt: la nostra recensione

Star War Battlefornt: la nostra recensione

Finalmente l’attesa é finita, e quest’oggi siamo qui a parlarvi di un gioco tanto atteso dai fan di Star Wars e non solo, ovvero Star Wars Battlefront.

Sviluppato dai ragazzi svedesi della DICE, Star Wars Battlefront, è uno sparatutto in prima persona, terzo della sua serie, ambientato nel meraviglioso mondo immaginario di Lucas.

Uscito su console e PC il 19 Novembre, oggi ad una settimana di distanza, dopo averlo provato e spulciato in ogni singolo dettaglio, siamo qui per recensirlo.

swbattlefront

Come già detto prima, Star Wars Battlefront, è uno sparatutto in prima persona. In questo titolo non troviamo nessuna campagna singolo giocatore, anche se in un gioco a tema Star Wars sarebbe stata una cosa molto gradita, anche se solo di qualche. Quindi ci ritroviamo di fronte ad un titolo quasi esclusivamente multiplayer. Nove sono le modalitá presenti fino ad ora:

  • Supremazia: modalità per 40 giocatori, dove le due fazioni si contendono cinque posizioni strategiche. Disponibili sia veicoli aerei e terrestri, e gli eroi;
  • Assalto Camminatori: modalità per 40 giocatori, dove degli enormi camminatori puntano ad una base ribelle, il nostro obbiettivo è distruggerli. Disponibili sia veicoli aerei e terrestri, e gli eroi;
  • Squadrone di Caccia: modalità per 20 giocatori, dove saremo alla guida di veicoli aerei, come i famosi X-Wing e Caccia Tie, oltre anche al Millennium Falcon;
  • Zona di Lancio: modalità solo fanteria per 16 giocatori dove dobbiamo catturare il maggior numero di gusci per vincere;
  • Cargo: modalità solo fanteria per 12 giocatori dove dobbiamo rubare il carico nemico e nel frattempo proteggere il nostro;
  • Eliminazione: modalità solo fanteria per 20 giocatori dove dobbiamo uccidere il maggior numero di nemici, in pratica il classico Deathmatch;
  • Corsa Ai Droidi: modalità solo fanteria per 12 giocatori dove dobbiamo catturare e difendere tre droidi in movimento;
  • Caccia all’Eroe: modalità solo fanteria per 8 giocatori, dove dobbiamo uccidere l’eroe nemico per diventare anche noi stessi l’eroe;
  • Eroi contro Malvagi: modalità solo fanteria per 12 giocatori articolata in round con squadre composte da fanteria ed eroi.

Purtroppo, contrariamente a come ci aveva abituato DICE, non è presente nessuna selezione dei server, ma solo un pesante matchmaking.

starwarsbattlefront_2015_11_25_21_46_38_536

Oltre alla sezione multiplayer, c’è anche una sezione dedicata alla modalità cooperativo o in singolo giocatore.

Ci sono tre modalità:

  • Addestramento: dove ci possiamo allenare a pilotare i vari mezi presenti nel gioco;
  • Sopravvivenza: dove dobbiamo resistere il più a lungo possibile contro ondate di imperiali;
  • Battaglie: che si dividono in due tipi, battaglie e battaglie eroiche, nella prima prenderemo il comando di un comune soldato, mentre nella seconda impersoneremo un eroe. In questa modalità affronteremo epiche battaglie al fianco o dell’impero galattico, oppure della ribellione.

Le mappe sostanzialmente son quattro, Hoth, Tatooine, Endor, Sullust, ma differiscono a seconda della modalità di gioco, e dal numero di giocatori disponibile, infatti se giochiamo a Supremazia o Assalto Camminatori troveremo ampi spazi in cui potremo combattere, invece se optiamo per Eliminazione o Corsa ai Droidi, lo spazio di combattimento sarà notevolmente ridotto. In tutte le mappe possiamo trovare i celebri luoghi che diedero vita alle battaglie tra impero e ribelli, riprodotti in maniera maniacale. L’interattività con l’ambiente di gioco é molto limitata se non del tutto nulla, infatti non vedremo edifici o basi ribelli che crollano.

starwarsbattlefront_2015_11_25_21_54_47_748

Sono presenti due fazioni, gli Imperiali e i Ribelli. Ogni fazione ha disponibile tre eroi:

  • Per i Ribelli: Luke Skywalker, Leila Organa, Han Solo;
  • Per gli Imperiali: Darth Vader: Boba Fett, Imperatore Palpatine.

Non è presente nessuna classe. Abbiamo solo il nostro personaggio che possiamo modificare esteticamente. Infatti nel corso delle battaglie, è possibile accumulare crediti imperiali, che successivamente potremo utilizzare per personalizzare il nostro personaggio e per comprare nuovi blaster. Le armi secondarie sono affidate a delle carte che sbloccheremo durante il corso delle battaglie, sono 3 di cui una potrà essere utilizzato solo per oggetti speciali come jet pack o scudo deflettore. Queste carte una volta utilizzate hanno un tempo di ricarica, che varia a seconda dell’oggetto che abbiamo scelto.

starwarsbattlefront_2015_11_25_22_01_05_084

 

I mezzi terrestri ed aerei non sono liberamente utilizzabili. Essi sono affidati a dei gettoni, come così anche gli eroi. Durante la partita troveremo numerosi gettoni e c’è ne sono diversi tipi. Una volta raccolto il gettone, a seconda del tipo che abbiamo raccolto possiamo utilizzarlo o per chiamare un mezzo, o un’ eroe, oppure ci ritroveremo con un’ arma bonus da utilizzare una sola volta.

starwarsbattlefront_2015_11_25_21_53_31_394

Come ormai tutti sanno, Star Wars Battlefront è stato sviluppato con l’ormai rodato Frostbite 3. Questo engine è in grado di offrire un’elevato dettaglio grafico, senza sacrificare molto sulla controparte FPS, perlomeno su PC, mentre purtroppo sulle console il gioco gira a 900p su PS4 e 720P su Xbox One ed entrambe difficilmente riesco a tenere i 60 frame stabili.

Tralasciando gli FPS, questo gioco riesce a regalare un dettaglio grafico sbalorditivo su entrambe le piattaforme. I luoghi sono ricchi di dettagli e sono riprodotti in maniere fedele al film.

starwarsbattlefront_2015_11_25_21_51_40_304

starwarsbattlefront_2015_11_25_21_58_41_819

Il sonoro è qualcosa di altrettanto eccezionale. Il rumore degli spari dei blaster, dei caccia, sono fedelissimi a quelli del film, e la colonna sonora, beh potete solo immaginare che spettacolo sia combattere con la marcia imperiale in sottofondo.

starwarsbattlefront_2015_11_25_21_58_57_231

A livello tecnico, Star Wars Battlefront presentalo stesso problema che contraddistingue ormai i giochi DICE, ovvero il netcode. Anche se molto migliorato da quanto visto nella beta, spesso vedremo i nostri colpi sparire nel nulla e non infliggere danni al nemico, oppure se siamo in copertura vedremo i colpi nemici penetrare la nostra corazza.

La macchina con cui lo abbiamo provato è estremamente potente e con poca fatica abbiamo saturato il refresh del monitor di 144hz, generando sempre 144fps fissi in ogni scenario del gioco, ma il Frostbite 3 è un engine che si adatta bene su qualunque macchina, e anche a dettagli inferiori riesce ad offrire un’ottimo dettaglio visivo.

starwarsbattlefront_2015_11_25_21_54_37_071

Configurazione per il test:

  • I7 5820k @4.7GHz;
  • 3 x GTX 980Ti;
  • Asus X99 E-WS;
  • 32GB Kingston Predator @3000MHz;
  • Risoluzione 2560×1440

Requisiti minimi:
OS: 64-bit Windows 7 o successivo
Processor (Intel): Intel i3 6300T o equivalente
Memoria: 8GB RAM
Hard Drive: 40GB
Scheda video (NVIDIA): nVidia GeForce GTX 660 2GB
Scheda video (ATI): ATI Radeon HD 7850 2GB
DirectX: 11.0
Connessione internet richiesta: 512 KBPS o più veloce

Requisiti consigliati
OS: 64-bit Windows 10 o successivo
Processor (Intel): Intel i5 6600 o equivalente
Memoria: 16GB RAM
Hard Drive: 40GB
Scheda video (NVIDIA): nVidia GeForce GTX 970 4GB
Scheda video (AMD): AMD Radeon R9 290 4GB
DirectX: 11.1
Connessione internet richiesta: 512 KBPS o più veloce

Star Wars ci ha davvero colpiti, nonostante i numerosi dubbi che hanno assillato dopo aver provato la beta. E’ un gioco molto divertente ed accessibile a chiunque, con un’ottimo numero di modalità davvero divertenti. L’atmosfera riprodotta da DICE, è davvero unica, caratterizzata da ambientazioni fedeli al film, con un comparto tecnico all’avanguardia e con un sonoro strabiliante. Purtroppo è totalmente assente la modalità storia, il che poteva essere una bella aggiunta.

Check Also

Prova

Per la prima volta in redazione ci troviamo a recensire una scheda madre chipset X370 …