Home / Guida / Guida alle Periferiche: La Tastiera

Guida alle Periferiche: La Tastiera

Membrana e Meccanica

La più grande distinzione avviene proprio parlando della struttura di una tastiera ed infatti abbiamo 2 grandi famiglie, a membrana e meccaniche.

Membrana

Le tastiere più comuni in commercio che vanno ad occupare la fascia medio-bassa e ne esistono anche alcune di molto costose ma per ciò che offrono sono altamente sconsigliabili. Esse hanno un funzionamento molto semplice: quando premiamo un tasto la corrente passa attraverso il circuito stampato per mezzo di una cupola di gomma; esse sono presenti in un unico “rettangolo” morbido disposto tra il circuito e i tasti, disposte lungo i keycaps, ma esiste anche un tipo di tastiera a membrana, chiamata Scissor-Switch, che presenta le suddette cupole solo all’interno dei keycaps, permettendo quindi una pressione più controllata del tasto e una minor corsa.

PRO: Economiche ed danno un feeling morbido sui tasti, offrendo un feedback tattile al limite dell’udibile. Molto comode per chi ama il silenzio durante sessioni di scrittura/gaming.

CONTRO: Qualità mediocre degli switch e feedback tattile scarso, inoltre i tasti tendono ad usurarsi più velocemente rispetto ad una tastiera meccanica.

Meccanica

Qui troviamo le tastiere che occupano la parte più pregiata del mercato e si caratterizzano per qualità e robustezza. Sono più complesse di quelle a membrana ma hanno una digitazione migliore e risultano quindi più adatte alla scrittura. Esse, avendo a disposizione diversi tipi di switch, hanno funzionamenti diversi ma generalmente abbiamo uno switch fisico assieme ad una molla che, una volta premuto, va ad attivare il circuito sottostante per digitare il tasto.

PRO: Ottima qualità degli switch e molto più durature, offrendo anche un ottimo feeling.

CONTRO: Più rumorose di una tastiera a membrana e più costose.