Home / Recensione / Anidees GP CL8, un aiuto per i mesi caldi per la vostra scheda video. Recensione.

Anidees GP CL8, un aiuto per i mesi caldi per la vostra scheda video. Recensione.

Test e Conclusioni

Abbiamo per prima cosa provato l’impatto del prodotto sul nostro banchetto da lavoro, consapevoli che con tale soluzione le performance finali non sarebbero state eccezionali. Il banchetto permette all’aria calda di allontanarsi verso l’alto e quindi l’impatto del nostro accessorio non è quello che si può avere in un case chiuso. In pratica con o senza non porta differenze di temperature sulla scheda video.

Le temperature di questi giorni permettono all’Anidees GP CL8 di dare il meglio di se in ambiente chiuso. Abbiamo utilizzato il piccolo Antec P6 Compact per i nostri test, case molto compatto e particolarmente adatto all’uso. Con la bellezza di ben 32 gradi di temperatura ambiente abbiamo rimontato tutto nel case, affidandoci ad una scheda madre M-Atx.  La nostra GTX 970 G1 è partita da ben 38 gradi in idle senza il GP CL8, inserendolo invece siamo scesi ad avere 35 gradi in idle.
Per comprendere come si comportasse in full invece abbiamo deciso di utilizzare il classico Crysis 3. Due test differenti in OC e a stock. I test sono stati svolti a distanza di tempo e dopo aver permesso al sistema di raffreddarsi per bene, ogni sessione di gioco è durata 30 minuti. Senza il  GP CL8 a stock la scheda video ha raggiunto i 69 gradi, raggiungendo i 74 gradi in OC.
Con il  GP CL8 a stock la scheda video ha raggiunto i 66 gradi, raggiungendo i 70 gradi in OC.

Inoltre grazie ad essa SSD M.2 e scheda madre risultano meglio raffreddati.

Concludendo questo prodotto può essere molto utile per passare indenni i caldi mesi estivi. Soprattutto se avete schede video custom di fascia alta l’impatto sarà ancora maggiore rispetto ai nostri test. Spostare aria fresca verso la scheda video e spingendo quella calda verso l’alto per essere espulsa porta buoni risultati per tutto il sistema.