Home / Recensione / Arctic Quick Charger 8000 Recensione

Arctic Quick Charger 8000 Recensione

Utilizzo e Test

Sul dispositivo, una volta collegato alla corrente, si attiva il LED di stato arancione.

20160601_125543

Non vi sono pulsanti, impostazioni strane o procedure da seguire; si collega il dispositivo e si carica. Non è presente alcun cavo USB all’interno della confezione, quindi bisogna usare quello che abbiamo per casa o acquistarne uno.

Le uscite erogano:

  • 1 x Quick Charge 2.0: DC 5 V, 2 A / 9 V, 1.5 A / 12 V, 1.2 A
  • 4 x Smart Output: DC 5 V, 2.4 A
  • Combined Output Power: 40 W

Atto pratico / Utilizzo

Dati tecnici a parte… come si comporta il Quick Charge 8000? Cosa cambia da un normale caricatore USB?

Abbiamo testa il caricatore con vari prodotti, tra cui un Samsung Note 5 con tecnologia Qualcomm Quick Charge 2.0.

Ricarica con caricatore originale Samsung:

  • 10% situazione iniziale, ricarica completa stimata in 2 h e 42 m
  • 15% dopo 10 minuti
  • 27% dopo 30 minuti
  • 100% dopo 2 h e 41 m (partendo dal 10%)

Screenshot_20160608-005636 Screenshot_20160608-010650 Screenshot_20160608-012639

Ricarica con Arctic Quick Charger 8000:

  • 2% situazione critica iniziale, ricarica completa stimata in 1 h e 19 m
  • 11% dopo 5 minuti
  • 18% dopo 10 minuti
  • 46% dopo 30 minuti
  • 100% dopo appena 1 h e 23 m (partendo dal 2%)

Screenshot_20160609-101940 Screenshot_20160609-102447 Screenshot_20160609-102927 Screenshot_20160609-104905

In un confronto diretto, partendo con batteria al 10%, si riesce a caricare completamente il Note 5, che ricordiamo avere ben 3000 Mah… in 1 ora e 19 minuti! Ovvero in metà del tempo!
Risultato davvero ottimo.

Indice