Home / Recensione / Asus AMD R9 290 DirectCU II: Recensione

Asus AMD R9 290 DirectCU II: Recensione

Reparto d'alimentazione e PCB

Schermata 2014-07-19 alle 07.38.24Asus per questo modello ha ridisegnato le fasi di alimentazioni che passano da 5 del modello reference a 6 fasi digitali in questo modello e due dedicate alle memorie, Asus ha deciso di munire la scheda di un backplate per rinforzare il PCB.

Il raffreddamento dei Mosfets è affidato ad un heatsink e ad un psd termico, pecca del dissipatore è non fornire dissipazione diretta alle memorie Elpida, tutti i componenti utilizzati per l’assemblaggio di questa scheda sono di alta qualità partendo dai Super Alloy Power.

Il controllo dei voltaggi è affidati per la GPU da Chip prodotto da Digi+ ASP1300, per le memorie invece uP1631P.

La scheda dispone di un DIP switch, per cambiare bios a seconda delle necessità, ne troviamo due:

-Uno che potremmo chiamare modalità silenziosa

-e un altro che potremmo chiamare modalità prestazioni

Con il primo in lunghe sessioni rischia anche di arrivare a 90 gradi ( il chip supporta tranquillamente queste temperature), nei miei test non sono andato oltre gli 89 gradi, mentre con il secondo che modifica la curvatura della ventola con una più rumorosa si rimane sotto gli 80 gradi.

Vi segnalo che anche con quello silenzioso non ho avuto tagli, neanche in OC.

 

Check Also

PhysX, scheda video dedicata? Ne vale pena?

Reparto d'alimentazione e PCBUna delle curiosità che attrae alcuni gamers ciclicamente è la questione relativa …