Home / Recensione / Asus ROG MAXIMUS XII EXTREME: L’estremo ha la sua regina. Recensione

Asus ROG MAXIMUS XII EXTREME: L’estremo ha la sua regina. Recensione

Introduzione

Ogni tanto hardware e passione vanno a fondersi, questa fusione riesce a dar vita a schede madri come la Asus ROG MAXIMUS XII EXTREME. Parliamo di una scheda madre che pesa come un case di fascia bassa e con tutte le chicche che un appassionato può volere. La Maximus condivide tante importanti features con la Apex e come vedremo la nostra scheda si presta particolarmente ad overclock spinti. Lo fa con una semplicità che rende poi difficile provare altre schede madri. Prima di addentrarci nel tecnico dobbiamo sicuramente parlare del design fantastico e delle dimensioni mastodontiche. Di quanto sia bella scartarla, dall’apertura della confezione, dalla scoperta del bundle.. Insomma una emozione dietro l’altro. Cose che solo le fasce estreme possono vantare e offrire.

Siamo difronte ad un prodotto che offre ben quattro slot M.2 con supporto Pci-E e quindi che ci permette uno storage significativo tutto on board, senza dover utilizzare dischi meccanici. A differenza della Apex troviamo quattro Slot DIMM, con un unico canale occupato il produttore ci permette di ambire a 4800+ Mhz, mentre con tutti gli slot occupati si parla di 3600+ Mhz. Dobbiamo sicuramente dire che questa chiarezza è molto più che apprezzabile. Il produttore ha raffreddato in modo massiccio le zone calde, questo vi permetterà di spingere a limite qualsiasi intel di decima generazione, sarà più facile trovare il limite della CPU che di questa scheda madre.

Ma proseguiamo per gradi, nella prossima pagina troverete tutte le specifiche del prodotto e tutte le sue features.

Indice