Home / Recensione / Asus Strix Radeon RX 470 4GB – Recensione

Asus Strix Radeon RX 470 4GB – Recensione

Reparto alimentazione e PCB

Andiamo ora ad analizzare il PCB della Strix Radeong RX 470. Al centro troviamo il chip Polaris 10, come detto prima, lo stesso della sorella maggiore RX 480, ma depotenziato.

Attorno la GPU troviamo otto moduli, da 512 MB l’uno, di memoria GDDR5 prodotti da Hynix che lavorano ad una velocità di 6600 MHz.

 

Il design di alimentazione è abbastanza semplice, per via dei ridotti consumi. Abbiamo quattro fasi di alimentazione per la GPU, e due fasi di alimentazione per quanto concerne le memorie. Asus in questa Radeon RX 470, come per la RX 480, per regolare i voltaggi ha deciso di utilizzare un controller digitale PWM DIGI+.

 

Sono presenti un MOSFET M3054 N-Channel high-side e due MOSFET M3056 N-Channel low-side, entrambi prodotti da UBIQ. Questi son posizionati tutti molto vicini l’un l’altro, probabilmente per creare un’unica zona di calore. Gli induttori utilizzati sono i SAP II, ovver Super Alloy Power.

Il layout della scheda risulta pulito e ordinato. Come detto in precedenza, Asus ha adottato Strix RX 470 di un solo connettore a 6 pin per l’alimentazione.

Check Also

PhysX, scheda video dedicata? Ne vale pena?

Reparto alimentazione e PCBUna delle curiosità che attrae alcuni gamers ciclicamente è la questione relativa …