Home / Recensione / JVC HA-S400

JVC HA-S400

DSCN5366

Questa è l’ultima per stasera… una bocciatura… perchè il passato e il presente sono fatti anche di queste… altro volte sono bocciature talmente pesanti che un azienda decide di tagliare i ponti col sottoscritto, altre volte decidono invece che è giusto ritirare il prodotto dal mercato oppure riprogettarlo.

RINGRAZIAMENTI
I ringraziamenti come al solito vanno a voi lettori, che sopportate le mie puntigliose sfilettate ad aziende e recensori compiacenti.
A Marco Rossi Product Manager per JVC Italia, che mi ha permesso di recensire questa ed altre cuffie JVC.
Ed ovviamente a JVC stessa.

PREMESSE
Avevo già provato queste cuffie, ma per poco tempo (questione di minuti) le avevo considerate adatte alla musica da discoteca … a fronte di più ore di utilizzo continuo a considerarle tali.

UNBOXING

DESCRIZIONE
Come sempre parto dal link al produttore:
http://www.jvcitalia.it/category.php?id=100055
queste le caratteristiche dichiarate:
Driver 30 mm
Tipo magnete Neodimio
Risposta in frequenza 10-24.000 Hz
Capacità max. in ingresso 1000 mW (IEC)
Lunghezza del cavo 1,2 m
Peso (senza cavo) 145g
Plug Compatibile iPhone, dorato, forma L

Come al solito si sono dimenticati l’impedenza che corrisponde a 36 ohm
In aggiunta anche la descrizione del produttore
• Struttura ripiegabile in tre parti per una portabilità compatta
• Riproduzione del suono di alta qualità grazie al Neodymium Driver da 30 mm e al primo diaframma in carbonio a nanotubi del mondo
• Auricolari con soffice cuscino per eccellente isolamento del suono e comoda aderenza
• Design leggero per un utilizzo prolungato
• Selezione di 4 colori
• Cavetto colorato da 1,2 m con sottile spinotto dorato da 3,5 m compatibile iPhone (Forma L)
Interessante mi sembra quella di evidenziare come vengano utilizzati nano tubi in carbonio, il che permette di risolvere a mio avviso alcuni problemi di pulizia

PACKAGING
Il packaging è essenziale si tratta di una scatola in plastica con all’interno una forma sagomata per ancorare le cuffie

BUNDLE
Inesistente

MATERIALI
I materiali sono abbastanza buoni e validi. La plastica appare resistente, e i pad sono in finta pelle quindi durevoli . Del driver in nano tubi di carbonio abbiamo già scritto, ma lo riprendo pure qui. Il carbonio permette di avere un driver dal suono pulito, ma al contempo un dirver leggero e resistente. Non che il carbonio non abbia difetti solitamente li presenta tutti in gamma medio alta ed alta.

COMODITA’
Non sono cuffie comodissime, ma nemmeno scomodissime. Sono ideate per essere portate in giro e piegate occupano veramente poco spazio. Se portate gli occhiali ad asta larga … occhio saranno scomode dopo pochi minuti.

ISOLAMENTO
Nulla da ridire l’isolamento c’è ed è ottimale in ambo i sensi quindi ok.

RODAGGIO
Non credo che un grande rodaggio possa servire, un paio di giorni con un po’ di tracce con tanti bassi può essere utile, ma non necessario.
VIDEORECENSIONE

PROVA CON DISPOSITIVI PORTATILI
Anche in questo caso ho usato il mio Sansa Clip + con poca potenza di uscita il vantaggio è stato quello di non avere quell’esuberanza di bassi che caratterizza questa cuffia, l’esperienza non è stata malaccio, un ampli comunque ci vuole e risulta utile.

PROVE IN GAME
PATRICIAN IV
Il solito gioco gestionale … diciamo che le musiche sono abbastanza ben riprodotte è evidente la preponderanza dei bassi, ma comunque per chi desiderasse delle cuffie un po’ bassose ciò non è un problema.
ARMA: ARMED ASSAULT
FPS dove un suono preciso buona parte delle volte salva la pelle. A bordo dei mezzi aerei e dei carri armati non ci sono stati grossi problemi. Questi sono iniziati quando ho giocato come soldato di fanteria la direzionalità è rispettata, ma queste cuffie non riescono a riprodurre bene (lo vedremo anche nella sezione dedicata alla musica) quelle sonorità più flebili, ma necessarie a comprendere uditivamente il campo di battaglia: sono stato impallinato da un nemico a 5 metri arrivato alle mie spalle strisciando, ok avevo nettamente sbagliato posizione difensiva… però non avevo minimamente capito cosa era successo.
La direzionalità di ciò che si sente comunque è abbastanza rispettata … driver dalla risposta così differente però non aiutano minimamente in game.

MUSICA
La prima parte che risalta ascoltando le HA-S400 sono i bassi molto evidenti, tuttavia assieme a questa evidenza si nota anche un difetto di dinamica particolarmente evidente sotto i 70Hz dove strumenti simili si distinguono poco.
I medi ci sono gli alti sono invece particolarmente arretrati e le frequenze appartenenti alla gamma strumentale alta sebbene vengano percepite (si perché non si può parlare di sentire) sembrano quasi degli errori di produzione.
Il tutto sembra suonare sempre un’ottava più in basso (anche due) non si hanno problemi di volume sono cuffie facili da guidare, più che altro suonano particolarmente cupe nel generale … nel generale … perché poi i due driver hanno una risposta differente e dal driver destro sembra di sentire di più.
Altra problematica rilevata è che queste cuffie non rilevano i dettagli (non tanto quelli delle frequenze alte) quanto i veri dettagli musicali: quelli degli strumenti di sottofondo o gli attacchi eseguiti in crescendo, vengono rilevati solo dopo quando sono giunti a un discreto volume.
Di positivo è che suonano pulite, molto pulite.
Di certo cuffie orientate a generi da discoteca più che altro, anche perché la sensazione dopo mezzoretta di ascolto è quella di pesantezza e mal di testa … tipica di ascolti a gamma bass oriented.

TEST CIRCA LE FREQUENZE

misure
Il test ha dato una risposta che onestamente non mi aspettavo, immaginavo una quantità maggiore di bassi, ma anche un filo di alti in più.
La differenza tra i due driver tuttavia è divenuta evidente, probabilmente proprio questa differenza ha dato quelle aspettative disattese dal test.
Dai 4500Hz il roll off è evidente e il fatto di avere 15db in meno rispetto alla gamma bassa dà quell’effetto di ottava più in basso, di cupidezza del suono.

CONCLUSIONI

DSCN5368
Mal di testa … tanto.
Si è questo a cui pensavo quando me le sono tolte … sia chiaro non per la comodità delle cuffie, ma per quell’effetto sonoro che danno.
Cuffie da discotecari che per 40 euro danno un suono pulito e una portabilità elevatissima … esulate da queste necessità? Bene non sono cuffie che fanno per voi.

Check Also

Sennheiser GSP350: una cuffia all in one.

CRITICA A WORDPRESS Prima di lanciarci nella recensione credo sia giusto scusarmi con tutti i …