Home / Recensione / MSI RTX 2070 Gaming Z: tanta potenza e dissipazione. Recensione

MSI RTX 2070 Gaming Z: tanta potenza e dissipazione. Recensione

Introduzione

Finalmente mettiamo le mani su una delle nuove RTX, ultima generazione di schede video introdotta da Nvidia. Lo facciamo con una delle più interessanti proposte. La RTX 2070 Gaming Z di MSI vanta un enorme dissipatore che come vedremo fa abbondantemente il suo lavoro.  Questa nuova generazione introduce interessantissime novità, infatti l’architettura turing è molto particolare, la GPU non è composta solo dai classici cuda core!A fianco dei classici cuda core troviamo gli RT core, utilizzati da Nvidia per calcolare il Ray tracing e tensor core che serve per il DLSS.

Queste due nuove tecnologia sono le grandi novità di questa nuova generazione di schede video, tanto discusse, criticate e osannate. Esse sono arrivate tardi sul mercato, il DirectX Ray-Tracing API (DXR) che è una estensione del RTX introdotto da poco da Microsoft, integrato per ora solo in BFV, con risultati non tra i più belli. Soprattutto per quanto riguarda le prestazioni anche solo a 1080p. Per quanto riguarda il DLSS o Deep Learning Super-Sampling che è un algoritmo molto particolare che ricostruisce la scena utilizzando un complesso sistema neurale, è un sistema alquanto complesso ma sicuramente il più interessante dato che mira ad aumentare il numero degli FPS per scena. Ma ad oggi non è stato implementato in nessun gioco, tranne che in una demo di FF15, quindi tranne che una bella e promettente tecnologia che dovrebbe portare un 20-30% in più di FPS abbiamo ben poco da dire.

Vedremo nei nostri un sfida aperta in giochi leggermente più datati con le vecchie generazioni di GPU e una alla presa coi giochi 2018!

Una pagina sarà dedicata alle due tecnologie su citate!

Check Also

PhysX, scheda video dedicata? Ne vale pena?

IntroduzioneUna delle curiosità che attrae alcuni gamers ciclicamente è la questione relativa a PhysX e …