Home / Recensione / Rajintek Triton 360 Recensione

Rajintek Triton 360 Recensione

Conclusione

Siamo giunti alla fine della nostra recensione e dei nostri test, abbiamo scrutato al meglio il prodotto per rendervi edotti di tutti i pregi e difetti da noi riscontrati, che, come per ogni altro prodotto lo accompagnano. Il Raijintek Triton 360 vi offre la possibilità, ad un prezzo contenuto, di poter personalizzare il colore del liquido e di espandere l’impianto aggiungendo una seconda vaschetta o un waterblock per GPU. Ovviamente come detto durante la recensione questo kit non nasce per sostituire un impianto custom, soprattutto considerando la differenza di costi e di capacità che essi hanno, ma solo per dare all’acquirente la possibilità di personalizzare al meglio il suo impianto a liquido, anche in considerazione del fatto che, qual’ora lo si facesse, alcuni componenti per le troppe sollecitazioni potrebbero essere messi a rischio rottura.

Design.

Il design è unico nel suo genere, il grande blocco pompa, waterblock e vaschetta permette, grazie al led e alla possibilità di cambiare il liquido al suo interno, una piena personalizzazione, qualità da tenere ben presente all’acquisto visto che la sua collocazione di montaggio al centro del vostro PC gli donerà un aspetto molto gradito.

Prestazioni.

Anche a livello prestazionale soddisferà a pieno in pratica tutti i possessori di qualsiasi CPU, l’ampio radiatore permette clock alti anche per uso giornaliero. Per quanto riguarda l’espandibilità l’unico limite potrebbe essere la bassa velocità della pompa, 120 litri l’ora sono pochi.

Progettazione e Montaggio.

Progettualmente il Triton 360 è molto interessante, lasciare la libertà all’utente finale di poter cambiare tubi e liquido con la possibilità di espandere con altri componenti l’impianto non è cosa da poco, il tutto grazie ai quattro raccordi che troviamo su pompa e radiatore. Per offrire tutto questo ad un prezzo molto competitivo ovviamente il materiale plastico usato per la pompa non poteva essere il top, così come il materiale dei raccordi per i quali consiglio di non esagerare con il maneggiarli troppo spesso per evitare di danneggiarli.

Il montaggio è relativamente semplice, come oramai tutti gli AIO vi basterà bloccare la piastra che va posta sotto la scheda madre con i quattro bulloncini a doppia filettatura e il gioco è fatto. Un cacciavite e un po di manualità ed è fatta.

raijintek_logo_png

Con le dovute considerazioni e visto che in questa fascia di prezzo non troviamo nulla di simile è da considerare sicuramente un ottimo prodotto da tenere presente negli acquisti. Oltre ad offrirvi buoni margini di overclock, con praticamente qualsiasi CPU in commercio, vi offre una piena personalizzazione del colore del liquido.

img_0082

Assegno al Triton 360 4.5 stelle su 5, a questo prezzo difficile trovare un kit che abbia caratteristiche simili, con un piccolo miglioramento al blocco pompa potrebbe essere un best buy per gli utenti che vogliono avere la tranquillità di un AIO ma voglio anche avventurarsi nel loro primo impianto custom.

VOTO 4,5

Indice