Home / Recensione / Sharkoon NIGHT SHARK: Mid-Tower ATX. Recensione

Sharkoon NIGHT SHARK: Mid-Tower ATX. Recensione

L'interno del case

Andiamo a scoprire l’interno del case, il copri PSU questa volta lo troviamo nella parte superiore, scelta che ad esempio abbiamo già visto con alcuni case IN WIN. La troviamo una soluzione comoda, soprattutto per come è stata gestita da Sharkoon. Due ventole sul frontale in immissione e una sul retro in espulsione. La piastra della scheda madre è molto ampia e non troviamo ostacoli per montare schede video di qualsiasi dimensione. L’unico problema potrebbe sorgere se decidiamo di montare schede video particolarmente lunghe con AIO montati nella parte centrale.

Ottima l’idea di includere un reggi GPU, soprattutto con le lunghe custom risulta essere una scelta molto più che azzeccata!

Rimuovere la parte frontale è molto semplice, può essere utile sia nella fase di montaggio sia se decidete di montare un AIO o un radiatore. Sottolineiamo la presenza di un bay da 5.25 pollici, sempre più rari perchè non molto estetici, ma il produttore con il copri PSU nella parte superiore ha risolto perfettamente il problema. Anche il frontale è in vetro temperato!!

La paratia laterale è forata, come prima dicevamo, nella zona dove potremmo alloggiare un AIO o un radiatore da 240 mm. Come possiamo vedere sono molteplici le zone dove montare periferiche d’archiviazione. Sul retro troviamo 2 cm di spazio tra la piastra della scheda madre e la paratia laterale, abbastanza per poter passare i vari cavi.