Home / Recensione / Shure SRH240A

Shure SRH240A

Introduzione

DSCN9575

Questa volta ancora una Shure, ma non sono qui per presentarvi una nuova top di gamma bensì la loro cuffia studio entry level: le Shure SRH240A.
RINGRAZIAMENTI
Come al solito voglio ringraziare voi lettori, che non volete una lettura da best-seller, bensì una lettura forse un po’ asettica, ma tecnicamente seria.
Giustamente saluto e ringrazio Giusepper Del Fabbro e tutti i ragazzi di www.prase.it che è il distributore italiano del marchio.
PREMESSE
Permettetemi di spiegare il sottotitolo “Atto e Potenza”. In primis non vi è alcun riferimento acustico in esso, bensì un riferimento filosofico: precisamente ad Aristotele. Spiegato in parole povere e probabilmente anche banali si può pensare alla Potenza come ciò che un qualcosa è in teoria, l’Atto invece è come quel qualcosa è in pratica. Lo so “filosofi non abbiatemi a male” è spiegato coi piedi e con una certa licenza, ma non agitatevi capirete tutto nell’ultima parte che dedicherò ai test ed alcune riflessioni tecniche, dove si capirà effettivamente il perché di questo titolo.