Home / Recensione / Shuttle SH370R8 Barebone, il PC compatto come lo volete voi! Recensione

Shuttle SH370R8 Barebone, il PC compatto come lo volete voi! Recensione

Il case all’interno, inseriamo il nostro hardware

Rimuovendo solo tre viti si può accedere all’interno del nostro case. Tutto quello che vedete nelle foto è incluso nel prezzo. Troviamo la scheda madre H370 con PCI 3.0 capace di ospitare qualsiasi scheda video dual slot e di dimensioni inferiori a 29 cm. Troviamo la doppia porta M.2 per periferiche di archiviazione e modulo Wi-Fi. A differenza dell’altro prodotto shuttle in precedenza recensito questo permette di montare RAM Dimm, ma come per tutte le schede madri H la velocità si ferma a 2666 Mhz. Il PSU è un silver da 500w, in teoria capace di supportare un 9900K e una scheda video di fascia alta.

Il dissipatore custom è progettato per dissipare CPU con TDP al di sotto dei 95w. Vi consiglio di seguire tale specifica. Potete quindi optare per CPU come il i9 9900 oppure il 9900 T che sono CPU con TDP contenuti. 

Qualche dettaglio della scheda madre. Questa supporta massimo quattro periferiche SATA 6 Gbs, esattamente quanti ne supporta il case.   

Il case supporta quattro HDD da 3.5 pollici, quindi è più che capace di soddisfare un uso lavorativo ampiamente. Grazie alle porta M.2 si ha la possibilità di sfruttare anche le alte velocità supportate da alcune di queste periferiche di archiviazione. Segnaliamo la piena compatibilità con Optane, per i nostri test infatti ci siamo affidati ad un sistema Optane più HDD meccanico.

 

Installiamo il nostro hardware. Noi avevamo a disposizione un 9900K e abbiamo potuto constatare come l’attenzione del produttore a consigliare di usare CPU che abbiano un TDP contenuto non sia un caso. La nostra CPU quasi subito ha cominciato a tagliare le frequenze sotto sforzo perchè ha raggiunto la temperatura massima consentita. Per quanto riguarda invece la scheda video il nostro alimentatore ha una connessione 8+6 pin, incapace di soddisfare quella richiesta da una 2080 ti, dovrete munirvi di un adattatore nel caso. Non abbiamo avuto problemi invece con un GTX 980 Ti che senza problemi è riuscita a lavorare e a farci godere ampiamente ogni gioco su di essa avviato. Consigliamo inoltre di montare schede video reference o le versioni radiali che tendono a pescare aria calda dal case ed espellerla dalla parte frontale, in tale maniera si eviterà di incorrere in problemi di temperatura. Le due ventole presenti nel case comunque fanno il loro lavoro. Non ci sono predisposizioni per altre ventole quindi cercate nella vostra scelta di andare a rispettare quelle che sono le specifiche del produttore.

Andiamo a noi, una volta acceso il fast boot funziona benone, il sistema “bootta” in pochissimo tempo, questo dopo aver attivato la nostra memoria Optane, immancabile con sistemi basati su HDD meccanici. Window in un attimo ha trovato i driver necessari al funzionamento ed eravamo subito pronti per partire. Le prestazioni ovviamente dei dissipatore erano inadatte al top di marca consumers di intel, soprattutto in usi pesanti, mentre invece in game il sistema di dissipazione incluso comunque riusciva a mantenere la CPU sotto i 70 gradi.
La nostra scheda video invece è rimasta ampiamente nelle specifiche del produttore permettendoci di ottenere il massimo delle prestazioni possibili con tale configurazione.

Nella pagina iniziale e in quella finale trovate un nostro video che parla del prodotto, vi invitiamo a guardarlo per saperne di più.

Indice