Home / Recensione / Technics ST-C700

Technics ST-C700

Conclusioni

st-c700 back

Che piaccia o meno questo lettore network porta con sé ogni problematica che nasce quando si vuole sfruttare il network ed occupare poco spazio. I competitors propongono lettori network che presentano una sezione DAC più corposa, si può parlare infatti di DAC con funzioni network, ma sono assenti le funzioni DAB e radio FM. Tuttavia Technics lo inserisce in una fascia di prezzo decisamente interessante. Costa meno di alcuni DAC con funzione network, che presentano in aggiunta il segnale bilanciato e la possibilità di leggere risoluzioni fino a 32bit/384kHz e DSD di pari livello, ma alimentazioni peggiori. Costa in modo confrontabile o appena maggiore a DAC con funzione network con pari funzioni, ma algoritmi di upsampling peggiori, alimentazioni peggiori.

Altri potrebbero dire che quello che manca all’ST-C700 è il wi-fi, in risposta si può tranquillamente chiedergli come si possa gestire un file in alta risoluzione in modo idoneo con tale tecnologia, dato che attualmente non si può fare.

Ancora una critica che ho sentito muovere è al display, bene la mia personale risposta è che quando l’audio si vedrà questa critica sarà dotata di senso elevato, fino a quando per ascoltare si useranno le orecchie e non gli occhi che il display mi faccia vedere o meno una copertina a colori è irrilevante, tenete presente che quando si ascolta con un paio di diffusori si è ad almeno 2.5 metri dalle elettroniche, discorso diverso con le cuffie in cui la distanza è spesso inferiore al metro, ma anche qui il discorso rimane sterile e slegato dall’audio (fino a quando non si inizia a parlare dello stadio di uscita di quei prodotti con schermo migliore a prezzo confrontabile, ed allora si desidererà avere uno stadio di uscita migliore allo schermo migliore).

Ciononostante l’ST-C700 incontra la nostra approvazione solo in parte perché è un componente che scende a nostro avviso a troppi compromessi.

Partiamo tuttavia dai pregi.

In primis ha il pregio di essere uno dei componenti con la migliore alimentazione presente sul mercato, tra i lettori di rete è forse quello con la migliore alimentazione, senza se e senza ma, vorrei questa alimentazione come uno standard. In secundis ha un complesso di tecnologie antirumore di prim’ordine. In terzis ha uno dei migliori upsampler ad oggi presenti.

Tuttavia Technics ha voluto scendere al compromesso sul DAC e fornire un’uscita analogica che permettesse all’ST-C700 di essere inserito in qualsiasi impianto, bene questo compromesso è ciò che porta la criticità all’interno di questo prodotto, eliminare il DAC avrebbe portato a poter migliorare l’ingresso PC e le uscite digitali (anche se queste sono già di elevatissimo livello).

Così come è ora l’ST-C700 è utile a chi vuole usare il network come sorgente, e a chi andrà a comprare anche l’SU-C700 dato che l’ingresso PC del lettore network è migliore e porta con sé la funzione di Hi-Resolution Re-Mastering.

L’altra via percorribile era quella di potenziare l’uscita analogica fornendola di una sezione DAC migliore, avrebbe portato ad un costo maggiore, certo, ma altrettanto certo sarebbe stato il fatto che sarebbe stato il lettore network più prestazionale per il prezzo.

Check Also

Sennheiser GSP350: una cuffia all in one.

CRITICA A WORDPRESS Prima di lanciarci nella recensione credo sia giusto scusarmi con tutti i …

One comment