Home / Recensione / Technics ST-G30

Technics ST-G30

Introduzione

ST-G30_front

Precedentemente abbiamo scritto del SU-G30; ora tocca all’ST-G30, ovvero all’altro componente della serie Grand Class di Technics.

PREMESSA

L’ST-G30 come indica il nome Music Server è alla fine dei conti un computer, in questo caso dedicato alla musica, quindi non ho molta intenzione di perdermi dietro alla descrizione del suono quanto ad alcuni ragionamenti più avvezzi a chi del computer ne ha fatto uno strumento quotidiano.

Alcuni di voi so che erano in attesa di una recensione critica, bene non dovrete attendere poi molto dato che la prima che avevo in canna è arrivata, nulla di massacrante, l’ST-G30 verrà comunque promosso, ma con riserva perché se l’audio non è molto che è arrivato in modo serio su PC, il PC è pronto da anni ad affrontare questo mondo.

In queste premesse permettetemi però di evidenziare il fatto che la mia puntigliosità è data dal fatto che sono tra quei fortunati che sono nati coi primi PC in casa, quando ancora tutto funzionava su DOS ed era necessario scrivere codice per poter fare una qualsiasi operazione. Ciò mi ha portato a preferire macchine dove tutto è accessibile, anche col rischio di fare danni, anziché macchine dove nulla è accessibile, tutto è embedded e per lo più immodificabile. Sembrerò tirare sfilettate all’ST-G30, ma nelle conclusioni dirò il mio pensiero nudo e crudo dove tutte le sfilettate e le critiche assumeranno una visione diversa.