Home / SIMOFLC / Bottleneck

Bottleneck

Ciao a tutti, stavolta vorrei parlarvi del famoso BOTTLENECK, terrore assoluto dei gamer.

Il bottleneck avviene nei casi in cui la CPU non riesce ad elaborare i dati che vengono prodotto dalla GPU, riducendo le prestazioni abbassando la potenzialità della scheda video.

In questo caso andrò a parlare del bottleneck riferito ai due componenti citati, ma ci possono essere anche altri tipi di strozzatura, basti pensare al caso inverso, un processore ultra potente abbinato ad una scheda video di bassa fascia.

Con questi video cercheremo di capire quando e come si viene a creare l’imbuto che invalida le prestazioni.

 

 

Come possiamo vedere chiaramente in un bench sintetico un dual core riesce bene a gestire la gpu, ma va decisamente alto in percentuale di utilizzo, direi che siamo al limite del collo di bottiglia. Giustamente in molti penseranno che il bench sintetico non stressa molto la CPU e in special modo Heaven che sfrutta a pieno la GPU. In ogni caso il dual core riesce a mantenere al massimo l’utilizzo della GPU.

Il dato più interessante è che il punteggio più alto, seppur di poco, è dato dal dual core, ma siamo li, gli score son sul solito livello.

Passiamo adesso al test più’ pesante per la CPU, Battlefield 4 in match da 64 player, ce la farà un dual core  a reggere?

Come spesso facciamo notare il gioco Dice riesce a stressare molto la CPU, infatti e’ molto utilizzato anche per stress test e per controllare la stabilità dell’overclock  del processore.

Come si nota con chiarezza, già con il 4 core la GPU inizia a non essere più’ al massimo, ed il frame-rate inizia a calare.

Il dual core invece non riesce proprio a gestirlo, e questo è un esempio lampante di BOTTLENECK.

Conclusioni finali con un consiglio: quando vi trovate ad acquistare una GPU o una CPU o ancor più state effettuando un upgrade, cercate sempre di riuscire ad avere un sistema bilanciato, cercando di far si che la via che porta dati da CPU a GPU e viceversa non abbia strettoie, pena le prestazioni.

A presto

Simo FLC Giannini