Home / Games / Call of Duty: Black Ops 4 – Recensione

Call of Duty: Black Ops 4 – Recensione

QG Specialisti

In questi capitolo ritornano gli specialisti (in tutto dieci) che abbiamo iniziato a conoscere con Black Ops 3; per i novizi, gli specialisti sono personaggi con abilità uniche che rendono le fasi multiplayer più strategiche creando multipli approcci all’azione. Rispetto a Black Ops 3, che ci poneva di fronte alla scelta delle abilità da utilizzare ad inizio game, gli specialisti di questo capitolo potranno contare su un’abilità finale a lenta ricarica e su un gadget a cooldown ridotto.

Tra gli specialisti disponibili troviamo volti noti, come Ruin e Seraph, e una “modalità” che ci descriverà il loro background. Il titolo non poteva essere completamente privo di trama e, riprendendo alcuni eventi dei capitoli precedenti, nasce la modalità “QG Specialisti“. In questo comparto (che a primo impatto è un tutorial) potremo visualizzare la storia di ogni specialista e come questa si interseca con la storyline. Ci verranno spiegate le abilità e le diverse modalità di gioco del multiplayer invogliando anche i veterani con ricompense esclusive per il completamento delle missioni.

Indice

Check Also

PhysX, scheda video dedicata? Ne vale pena?

QG SpecialistiUna delle curiosità che attrae alcuni gamers ciclicamente è la questione relativa a PhysX …