Home / Games / Far Cry Primal – Recensione

Far Cry Primal – Recensione

Maestro di Belve

Una delle tante novità di questo titolo è la possibilità di avere al proprio fianco un animale che ci aiuterà nella dura lotta alla sopravvivenza! Dopo aver incontrato lo sciamano del villaggio (il quale valuterà la nostra forza interiore) saremo in grado (attraverso lo sblocco di un’abilità) di domare le belve preistoriche! Ogni belva ha differenti caratteristiche e potremo addomesticare tre differenti gruppi di animali: felini, canidi e orsi. Il nostro primo animale, però, sarà un gufo; questo rimpiazzerà la famosissima “macchina fotografica” degli altri Far Cry usata soprattutto per spottare i nemici. Le caratteristiche di ogni animale sono uniche: nel caso in cui si voglia approcciare un accampamento in modo stealth si potrà benissimo utilizzare un giaguaro (ottimo nell’uccidere silenziosamente) mentre, se si preferisce un approccio più violento, un orso o una tigre dai denti a sciabola permettono uccisioni multiple e più veloci! Non vi resta che armarvi di esca, sangue freddo e tentare la sorte “collezionando” tutti gli animali (comuni, rari e leggendari) che popolano la mappa!

FCP-4

Indice

In Live su Twitch! Offline su Twitch.