Home / Recensione / Antec C400 Recensione

Antec C400 Recensione

Gallery

Il prodotto è molto “semplice”, la ventola da 12 cm ha regimi di rotazione che vanno dagli 800 ai 1900 RPM, producendo un massimo di 77 CFM. Il rumore massimo che questa può produrre è intorno ai 35 dBa.

Come ben si nota tutti gli heatpipe, cosi come la base sono realizzati in rame, una delle migliori soluzioni tecniche nel garantire uno scambio termico ottimale tra la CPU e le lamelle in alluminio.

I quattro grandi heatpipe da 8 mm raggiungono direttamente la base del dissipatore, molto importante per garantire il  contatto diretto tra essi e la CPU e per direzionare ed incanalare velocemente il calore sull’ampia superficie lamellare che si occuperà di dissiparlo.

La parte superiore del dissipatore è di colorazione nera, utile per “camuffare” ed integrare il prodotto negli assemblaggi.La base in rame è protetta da un adesivo in plastica. Nel nostro caso è risultata perfettamente liscia, come tutte quelle che abbiamo testato nelle precedenti recensioni.
Il produttore, in fase progettuale,  è stato molto attento alle dimensioni in altezza delle lamelle, per evitare problemi di contatto con RAM ad alto profilo.

Procediamo a verificare il suo comportamento durante i nostri test.

Il montaggio avviene mediante l’utilizzo dei due supporti in dotazione, fissando la base alla scheda madre, tramite le sue viti o gli sganci rapidi in stile dissipatore stock Intel. Poi mediante le due levette laterali il dissipatore andrà fissato sopra alla CPU. Ricordate sempre di rimuovere l’apposito adesivo e di applicare la pasta termica.

Indice