Home / Recensione / Arctic Liquid Freezer II 420. Recensione

Arctic Liquid Freezer II 420. Recensione

Gallery

Il gigantesco dissipatore ci giunge con già le ventole montate. Onestamente è una cosa che gradisco tanto perchè da l’idea di qualcosa subito pronta a funzionare. Le tre ventole utilizzate dal produttore sono delle ARCTIC P14 PWM con regime di rotazione che varia da 200 – 1 700 RPM. Questo permette di avere una ottima pressione statica di ben 2,4 mm H2O e un CFM di 72.8. Entrambi valori ottimi per delle ventole da radiatore.

Il nostro radiatore vanta dimensioni paurose, con 458 x 138 x 38 mm. Questo dato vi deve far indagare bene sulle possibilità del vostro case di ospitarlo o meno.

Il gruppo pompa waterblock racchiude come per gli altri modelli una piccola ventolina da 40 MM. Questa ha un regime di rotazione che può arrivare a 3000 RPM e serve per la dissipazione sia della pompa sia della zona VRM della scheda madre.

La pompa invece lavora in un regime di rotazione che può variare tra 800 – 2000 RPM. Vi ricordo come sia tutto controllato da un unico 4 pin PWM, quindi con un unico attacco potrete controllare la pompa, la ventola dei VRM e le tre ventole del radiatore. I cavi infatti delle ventole montate sul radiatore passano attraverso uno dei tubi per giungere alla pompa.

Indice