Home / Recensione / Be Quiet Dark Rock Pro 4. Recensione

Be Quiet Dark Rock Pro 4. Recensione

Introduzione

be quietC’è della scheda madre sotto il mio dissipatore!

Questo è quello che viene da pensare quando ci troviamo difronte l’enorme, bellissimo e come scoprirete presto performance Dark Rock Pro 4 di Be Quiet. Siamo difronte ad un dissipatore a doppia torre di quelli fatti alla vecchia maniera, tanto metallo, ventole serie e pensato per competere con gli AIO.

Il produttore infatti dichiara un TDP da 250W che significa in pratica poter affrontare tutti i dissipatori consumers presenti sul mercato e perchè no, anche fare un poco di overclock senza tanti problemi.

Uno dei difetti dei grossi dissipatori a torre è la presenza del problema con le RAM, problema che Be quiet! ha risolto grazie alla forma della torre e soprattutto alla possibilità di alzare leggermente la ventola da 120 MM, cosi da poterla comodamente regolare.

Il prodotto arriva con due ventole, una da 120 MM e una custom da 135 MM che monterete tra le due torri. Sono forniti in bundle i ganci per installarne una terza, se proprio volete darci dentro.

Il prodotto come andremo a vedere ha una colorazione nera ed è curato in tutti i particolari. Una soluzione che come vedremo a breve si sposa perfettamente con l’esigenza di rimanere ad aria che possono avere molti utenti.

Nella prossima pagina troverete le caratteristiche tecniche del prodotto.

Indice