Home / Recensione / Be Quiet! Dark Rock TF2. Recensione

Be Quiet! Dark Rock TF2. Recensione

Introduzione

be quiet

Quando si tratta di dissipare CPU Be Quiet! fa sempre sul serio, ma ogni tanto non è proprio possibile poter avere dissipatori di grosse dimensioni. Nelle soluzioni pensate per lavorare H24 o comunque pensate per avere un’affidabilità molto elevata continua ad essere preferibile una cara e vecchia soluzione ad aria.

Alle normali esigenze quindi di dissipazione possono aggiungersi anche esigenze di tipo dimensionale. Case piccoli e pensati per essere posti in angoli angusti sono spesso preferibili in diverse situazioni, ma questo non toglie che sia necessario avere una dissipazione efficace.

La necessità di una dissipazione efficace si scontra con la richiesta di prodotti dimensionalmente compatti. Da questo nasce il Be Quiet! Dark Rock TF2, un dissipatore a torre con doppia ventola e doppia torre alto solo 134 MM.

La dimensione realmente compatta si ottiene grazie alla forma a “U” assunta dagli heatpipe che percorrono la torre superiore, di maggiore dimensione, e la torre inferiore.

Queste soluzioni inoltre tendono a sparare un grande quantitativo d’aria direttamente sulla scheda madre, dissipando di riflesso VRM, RAM e il backplate della scheda video. Questa cosa può sembrare una cosa da nulla, ma in un case compatto può garantire performance maggiori, dissipazione migliore e una maggiore affidabilità nel tempo.

Nella prossima pagina troverete tutte le informazioni sul prodotto.

Indice