Home / Recensione / Cooler Master MH751 e GS750: L’accoppiata perfetta per il Videogiocatore.

Cooler Master MH751 e GS750: L’accoppiata perfetta per il Videogiocatore.

Il Prodotto sotto analisi

 

Andiamo ad esaminare nel dettaglio il nostro Headset.  Il produttore ha previsto un archetto regolabile con comoda simil pelle sia a contatto con la testa sia nella parte superiore, la scelta di ricoprire la parte superiore è sicuramente una scelta di design. I due padiglioni possono essere ruotati come in foto per favorirne il trasporto nell’apposita pochette, tale accortezza poi è resa ancora più funzionale dalla scelta di rendere il filo facilmente rimovibile, cosi come il microfono. Da qui la prima cosa che possiamo andare a comprendere è che tale prodotto è rivolto ad una utenza ampia, scelta che sempre più produttori stanno facendo.

Altra cosa che va sicuramente detta è che siamo difronte ad una cuffia chiusa, o semi chiusa, i rumori esterni anche senza audio vengono attutiti. Tale scelta può essere sicuramente utile la dove verranno utilizzate in luoghi rumorosi. I padiglioni sono abbastanza larghi da permettere all’intera orecchia di stare all’interno dello stesso, soluzione a nostro parere più comoda e sicuramente meno stressante per l’orecchio. La morbida simil pelle che li compone li rende morbidi, isolanti e comodi.

Sul padiglione sinistro troviamo l’ingresso per il microfono e per il cavo che porterà il segnale audio. Quest’ultimo ha un sistema di bloccaggio che evita che un movimento involontario possa in qualche modo andare a staccare il cavo stesso. Sul cavo troviamo un comodo telecomandino che ci permette di gestire il volume e disattivare il microfono, molto comodo sia in mobilità che quando si sta giocando.

 

Passiamo ad una disamina più completo del prodotto andando ad esaminare tutti gli aspetti che lo compongono.

Partiamo dall’aspetto funzionale che sicuramente è quello del reggi cuffie. Il GS750 è elegante e robusto e si adatta ad ogni tipo di cuffia. L’illuminazione è completamente gestibile da software cosi da poterla rendere il meno possibile invadente o di disattivarla completamente qualora non vi interessi più, una pecca però è che risulta sempre attiva e non c’è opzione per disattivarla a PC spento. Su questo problema abbiamo indagato, se si tiene collegato solo il cavo USB il problema non si pone, basterà impostare dal bios della scheda madre di rimuovere l’alimentazione alle USB. Ma se colleghiamo il cavo d’alimentazione, che permette di far funzionare il caricabatterie wireless, l’illuminazione risulta sempre attiva. Il secondo pezzo di metallo che troviamo sul retro della struttura principale serve per fare ordine tra i cavi, chicca che merita menzione.

Proseguiamo la nostra disamina parlando del caricatore QI che risulta essere un compagno fedele soprattutto con il numero di smarphone sempre crescenti che permette tale tipo di ricarica. Con un picco massimo di 10w permette una ricarica abbastanza funzionale e soprattutto evita di avere in giro cavi di ricarica. Poter concentrare su un unico oggetto la ricarica, lo stand per le nostre cuffie e un HUB USB a nostro parere è una scelta vincente. Poggiare lo smartphone sulla scrivania è una cosa normale e farlo per ricaricarlo ci permette una volta alzati di avere sempre la batteria carica e soprattutto, nel caso di telefonate, ci evita di dover attaccare e staccare di continuo un cavo.

Sulla scheda audio integrata abbiamo ben pochi dati, ma ovviamente fa il suo lavoro abbastanza bene in combo con il software che potete scaricare dal sito del produttore. Oltre a permetterci di equalizzare a mano in modo semplice le nostre cuffie, creando dei profili personalizzati a seconda dell’uso che ne facciamo, ci permette di abilitare il 7.1 virtuale. Tale impostazione permette all’utente con qualsiasi tipo di cuffia o headset di avere un suono tridimensionale, utilissimo nei giochi online. Parleremo però di come cambia il suono con o senza dopo.

L’HUB USB 3.0 è l’ennesima chicca, capita spesso infatti che accedere alle USB del proprio case non sia comodo, poter attaccare delle pennette o hard disk direttamente al vostro utilissimo stand è sicuramente comodo.

Sistema di illuminazione.

Il software al momento permette di visualizzare un unico colore la volta, quindi a livello di illuminazione siamo leggermente dietro a quello offerto dalla concorrenza. L’illuminazione pacata però non ci dispiace, evita che possa diventare troppo invadente sulla scrivania.

L’accoppiata perfetta.

Poco da aggiungere, sicuramente una coppia perfetta.

Indice

Check Also

Sennheiser GSP350: una cuffia all in one.

Il Prodotto sotto analisiCRITICA A WORDPRESS Prima di lanciarci nella recensione credo sia giusto scusarmi …