Home / Recensione / Cooltek Skall – Recensione

Cooltek Skall – Recensione

Il case all'interno

Come ribadito più e più volte, lo Skall offre un abbondante spazio, infatti supporta schede madri fino al formato ATX standard, ed è in grado di ospitare anche sistemi di fascia alta e anche custom loop.

Il tray della scheda madre presenta un’ampia apertura in corrispondenza del socket, in modo da poter installare dissipatori aftermarket che hanno bisogno di backplate, in modo del tutto comodo e senza smontare la scheda.

Attorno al tray inoltre troviamo molte aperture per far passare i cavi di alimentazione, anche se purtroppo non sono presenti i passacavi in gomma.

IMG_20160112_142122_HDR IMG_20160112_142154_HDR  IMG_0215

All’interno troviamo due cestelli da quattro slot ciascuno, per gli Hard Disk ed SSD. Questi due si possono togliere in modo da poter installare un radiatore da 240 sulla parte frontale del case. Sopra ai cestelli degli hard disk, troviamo tre bay da 5.25″, e i lettori, fan controller ecc. Cooltek in questo case ha adottato un sistema tools less, in modo da poter installare qualsiasi dispositivo da 5.25″ senza l’ausilio di cacciaviti

IMG_0203 IMG_0204 

IMG_20160112_142858_HDR IMG_20160112_143042_HDR

Le due ventole anteriori in dotazione sono proprietarie della casa Tedesca. Sono entrambe da 120 di colore trasparente, in modo da riflettere al meglio la luce dei led. Entrambe hanno un regime di rotazione di 1100 rpm.

IMG_20160112_143103_HDR IMG_0212

Nella parte superiore troviamo l’alloggio per tre ventole da 120 o due da 140, o per un radiatore da 360 oppure uno da 280 con uno spessore massimo di 30 mm.

IMG_0191

Infine veniamo al punto più importante, ovvero il cable management. Lo spazio tra il tray della scheda madre e la paratia di destra, risulta sufficiente per eseguire un lavoro ordinato e pulito in modo da nascondere tutti i cavi.
IMG_20160112_142326_HDR

Indice