Home / Recensione / Creative Sound Blaster GC7. Recensione

Creative Sound Blaster GC7. Recensione

Test

Provare strumenti audio ci lascia sempre cadere nelle considerazioni personali. Quindi prima parleremo delle caratteristiche tecniche del prodotto e di come queste incidano sull’uso quotidiano del prodotto. E poi parleremo dell’uso sul campo.

Il prodotto ha una amplificazione che varia da 32–300Ω, Impedenza di uscita: 10 Ω, questo gli permette di gestire moltissime cuffie.

Grazie al chip integrato UltraDSP e alla possibilità, tramite una comoda app, di impostare perfettamente SXFI e di importarlo tramite bluetooth nella scheda audio vi cambierà tutto. In pratica mediante la fotocamera del vostro smartphone verrà mappata la forma del vostro orecchio, creando un audio spaziale totalmente personalizzato. In questa maniera l’asticella della qualità audio va ad alzarsi ancora di più.

La SXFI battle mode è uno dei sistemi più avanzati presenti sul mercato, vi permetterà una immersione d’altissimo livello e soprattutto di percepire oltre che la direzione anche la distanza.

Tale tecnologia ci ha impressionato, con delle buone cuffie è come avere gli occhi anche dietro. Per gli appassionati di FPS è qualcosa di immancabile, come un monitor ad alti HZ. Questa insieme alla Scout mode rendono l’audio utile almeno quanto il video. Essere presi alle spalle diventerà veramente difficile.

Ovviamente comodissima anche la funzione legata alla gestione delle chat, decidere cosa sentire e quando dovrebbe essere la base.

Andiamo a noi, da appassionato di FPS una delle cose più complesse è capire esattamente dove sia il nemico. Quando si va in mappe urbane, strette e con tanti nascondigli essere presi alle spalle è quasi la normalità. O almeno lo era.
Grazie alle tecnologie citate in precedenza si ha un vantaggio tattico sui nemici a dir poco enorme. Si riesce a percepire ogni singolo dettaglio di quello che ci succede intorno, questo ci permette di anticipare le mosse del nemico preparandoci per tempo a dargli il ben servito.

Questa tipologia di tecnologia andrebbe fatta provare a tutti per lasciare comprendere quanta differenza faccia un audio ” normale ” rispetto a qualcosa di realmente pensato, studiato ed elaborato per il video giocatore. Non solo monitor da gaming, ma anche schede audio che renderanno realmente le vostre cuffie uno strumento potente.

Non ho parlato di qualità audio, il DAC cosi come l’amplificazione del prodotto sono pienamente ponderati al costo. L’amplificazione fino a 300 Ohm è pregevole e con le cuffie adatte si fa sentire. Il salto qualitativo del suono rispetto ad un audio integrato è ampio da tutti i punti di vista.

Indice

Check Also

Sennheiser GSP350: una cuffia all in one.

TestCRITICA A WORDPRESS Prima di lanciarci nella recensione credo sia giusto scusarmi con tutti i …