Home / Recensione / Fractal Design Define R6 USB-C: Recensione.

Fractal Design Define R6 USB-C: Recensione.

Design ed Esterno

Esternamente il case è veramente molto sobrio su tutti i lati. La colorazione nera senza hardware in risalto lo fa sembrare anonimo, ma non fatevi ingannare, come vedremo dietro c’è un lavoro ingegneristico meritevole di nota e tantissima qualità in ogni componente. Il frontale e il top sono chiusi, il primo è stato sviluppato a modo di sportellino, con tanto di filtro anti polvere e pannello fono assorbente, per far respirare il case sono state previste delle griglie laterali che oramai sono sempre più presenti. Ma come vedremo il flusso d’aria è facile da creare e anche abbastanza funzionale. Per quanto riguarda il top il produttore ha previsto un tastino sul retro che permette di sganciarlo, ma lo vedremo a breve. La paratia non finestrata è semplicissima, ma presenta un pannello fono assorbente ed è veramente molto spessa. Anche questa, come la paratia finestrata, si aprono a modo di sportellino e si fissano con un sistema con due perni a pressione, per poi essere bloccata al case con due viti. Il case prevede il montaggio della scheda video anche in verticale. Ma la prolunga è da acquistare a parte.

 

Connettività.

Il case è dotato di HD audio, tasto reset e accensione, porta USB-C da 10 Gbs, due 3.0 e due 2.0 USB.

Indice