Home / Recensione / Fractal Design Meshify 2 e Meshify 2 XL. Recensione

Fractal Design Meshify 2 e Meshify 2 XL. Recensione

Il case all’interno

Fractal Design Meshify 2.

Cominciamo rimuovendo il top e il frontale. Il top non l’ho smontato completamente per metterlo in modalità storage. Vi basterà vedere le foto del modello XL per capire cosa significa. Vi basti sapere che in modalità storage potete inserire 11 HDD da 3.5 pollici. Ovviamente acquistando le slitte opzionali non presenti in bundle.
Il frontale invece si scompone in tre pezzi separati. Ottimo per la pulizia ed installare ventole o radiatore in questa zona.

L’interno del case è curato nei minimi particolari. Inoltre da come si presenta il retro del case si capiscono molte cose. Tanto spazio e tanti organizzatori per cavi. Il copri PSU coperto da un ulteriore inserto che nasconde la zona dell’alimentatore è una chicca che adoro. Presente anche il controller FAN nascosto nella parte superiore, posizionato quindi alla perfezione. Il case nella “modalità storage” può ospitare 11 HDD.

Nella zona hardware lo spazio è abbondante, potrete montare schede madri E-ATX fino a 285MM. Anche se su questo punto avrò da portarvi all’attenzione alcune cose.

Il case vanta spazi enormi per grossi radiatori sia sul frontale che sul top, inoltre gli spazi sono reali e distanziati il giusto per non creare impacci alla scheda madre o ad altri componenti, cosa che ahimè non succede spesso. Il grosso copri PSU lavora vemente bene offrendo un design interno estremamente pulito.

Fractal Design Meshify 2 XL.

Una delle chicche di questi ultimi Fractal è sicuramente la modularità. La rimozione del top rende il montaggio dell’hardware estremamente semplice in questa maniera. Montare AIO o radiatori risulta essere molto più comodo, anche perchè non avrete problemi con cavi e cavetti. Perchè diciamolo pure, 18 HDD sono veramente ma veramente tanti da installare in un unico case.

Proseguiamo dando una occhiata la retro del nostro case. Anche qui siamo ad una poesia di elementi posizionati cosi bene che viene voglia di fissarli. Il produttore non ha sbagliato nulla a nostro parere, tutti i case di fascia alta dovrebbero adottare soluzioni simili, e in alcuni casi lo fanno.

In seguito tra le foto troverete le modifiche necessarie a trasformare il case nella “modalità storage”. Questi cambiamenti non incidono minimamente sul design del prodotto, il che è un grande risultato se consideriamo che siamo difronte ad un case che permette di installare un numero smisurato di periferiche d’archiviazione.

La parte dedicata all’installazione dell’hardware ha degli spazi pronti a tutto. La possibilità di montare schede madri con formato SSI-EEB ci apre la pista per creare incredibili buid! I pad passacavi possono essere trasferiti a seconda di dove vogliate far passare i cavi. Lo spazio superiore tra la scheda madre e il top è una piccola autostrada. Non avrete nessun problema anche con grossi AIO.

Indice