Home / Recensione / Geeetech A20: la stampa 3D per tutti! Recensione e consigli per i neofiti.

Geeetech A20: la stampa 3D per tutti! Recensione e consigli per i neofiti.

Conclusioni

Siamo giunti alla fine della nostra recensione, la Geeetech A20 è sicuramente una entry level capace di grandi cose. La struttura è molto robusta, sono veramente pochi i miglioramenti che l’utente può andare ad effettuare. Gli assi una volta sistemate le cinghie lavorano benone senza vibrazioni. Il sistema ha un funzionamento decisamente silenzioso, molto più silenzioso di altre stampanti. L’alimentazione a 24V permette un riscaldamento immediato di ugello e letto, in poco più di un minuto sarete pronti a stampare! Anche il fan duct è posizionato bene e fa il suo lavoro per raffreddare velocemente il PLA.

Una cosa che inizialmente ci aveva lasciati perplessi era il tappeto da poggiare sul letto, ma ci dobbiamo ricredere. Infatti nelle nostre stampe non abbiamo avuto mai un problema di aderenza, cosa che nella stampa 3D può essere veramente un grosso problema! Inoltre le dimensioni di stampa sono perfette per una stampante da scrivania, potete tenerla vicino al vostro PC senza problemi, usare un case per l’elettronica permette di tenere le dimensioni laterali contenute e ci evita inoltre danni durante gli spostamenti.

Vi parlavamo di un profilo e ve lo lasciamo QUI, dovrete scaricare il software gratuito di Prusa per utilizzarlo e poi importare il nostro profilo. Abbiamo optato per questo slincer per via dei super supporti che riesce a fare. Dovete ovviamente fare attenzione e perfezionare il profilo per la vostra stampante e per le vostre esigenze.

Altra piccola chicca che potrete aggiungere è il sensore BL Touch che eseguirà prima di ogni stampa una misurazione del piatto per una precisione ancora superiore del primo layer, trovate già il supporto sulla hot end.

Assegniamo al prodotto cinque stelle e speriamo che la nostra recensioni vi possa guidare al meglio nella scelta della vostra prima stampante 3D!

Assegniamo cinque stelle anche ai due filamenti testati oggi, il nero è facile da stampare e soprattutto da lavorare nel caso vogliate fare post produzione. Il filamento Silk invece è già troppo bello cosi per andare a modificarlo, a quest’ultimo assegniamo anche un premio.

Potete acquistarla QUI.