Home / Recensione / Panasonic RP-HC800: recensione

Panasonic RP-HC800: recensione

Test

1
TEST DI RISPOSTA IN FREQUENZA
Quando si implementa una cuffia per la mobilità, l’ho già detto, ma mi ripeto… si deve obbligatoriamente scendere a compromessi, in base al tipo di cuffie che si sceglie di progettare (più che altro anche perché il mercato ha di per sé certe richieste).
Le cuffie presentano come si può vedere di una doppia risposta in frequenza: rossa e viola con il circuito Active Noise Reduction attivo, blu e gialla con il circuito disattivo.
In entrambi i casi abbiamo uno sbilanciamento sui bassi, tuttavia con circuito attivo si ottengono 18/19 db come picco maggiore rispetto alla frequenza di 1kHz. Tale predominio dei bassi è presente anche per tutta la gamma medio bassa, si ottiene infatti una certa linearità solo dai 600-650Hz in su.
Le cuffie si estendono abbastanza bene fino ai 20kHz ottenendo una linearità maggiore con il circuito attivo.
Con il circuito disattivo invece si ha una minore presenza di bassi dato che il picco massimo si assesta attorno ai +11/13 db, tuttavia nel resto della gamma audio la risposta è meno lineare rispetto a quella presentata con circuito attivo.
Video

Indice

Check Also

Sennheiser GSP350: una cuffia all in one.

TestCRITICA A WORDPRESS Prima di lanciarci nella recensione credo sia giusto scusarmi con tutti i …