Home / Recensione / Panasonic SC-ALL 30

Panasonic SC-ALL 30

Recensione

DSCN8085
Una soundbar non si recensisce con la sola musica, ne uscirebbe con le ossa rotte anche perché è studiata per la visione di film, non per l’ascolto Hi-Fi.
Usata in wireless o Bluethoot presenta un netto miglioramento rispetto all’altoparlante dello smartphone o del notebook, permettendo di sentire meglio e per tutta la stanza. Ciononostante l’ascolto non è entusiasmante o di tipo hi-fi, ci sono distorsioni in basso, gli strumenti suonano legati e le voci poco naturali, indipendentemente dal tipo di connessione usato. Personalmente consiglio di posizionarla a ridosso di un muro e sopra un solido mobiletto in legno di betulla, sembra essere l’ambiente in cui suona meglio.
Il vero punto di forza dell’SC-ALL30 è la visione di film, è anche possibile connettere due SC-ALL2 in wireless sfruttandole come satelliti posteriori e poter usufruire così del 5.1.
Ci sono anche varie opzioni nelle impostazioni del suono che permettono proprio un miglior godimento dei film, attivando queste opzioni o dialoghi sono più chiari e i bassi sono più puliti. Anche senza che tali opzioni vengano attivate l’SC-ALL30 si comporta bene con dialoghi chiari ed intellegibili, effetti presenti, ma che vengono restituiti in modo onesto per quello che una soundbar compatta può dare, chiedere di più significherebbe distorsione assicurata.

VIDEORECENSIONE

 

Indice

Check Also

Sennheiser GSP350: una cuffia all in one.

RecensioneCRITICA A WORDPRESS Prima di lanciarci nella recensione credo sia giusto scusarmi con tutti i …