Home / Recensione / PlayStation 4 PRO – Recensione

PlayStation 4 PRO – Recensione

HDR cosa è, e come funziona

La novità più interessante che Sony ha introdotto con PlayStation 4 PRO è senza ombra di dubbio il supporto ai contenuti in HDR (HDR è l’acronimo di HGH Dinamic Range, la sua funzione è quella di rendere le immagini luminose ancora più luminose e quelle buie ancora più buie, andando ad aumentare il rapporto di contrasto e la gamma cromatica visibile su schermo, migliorando anche le sfumature di colore nelle zone ad alto e basso contrasto), funzione che serve per rendere l’immagine più bella e più fedele alla visione umana. Le TV che supportano HDR hanno diverse  particolarità, tra queste una delle più importanti e sicuramente il pannello nativo a 10 bit (in alcuni casi anche a 12 bit), che permette di avere sullo schermo una gamma di colori molto più ampia rispetto ai classici 8 bit, si parla infatti di 16,7 mln contro 1,07 mld. Anche i contenuti che supportano HDR sono a 10 bit nativi.

hdr_example_1_w_755

Analizziamo ora il funzionamento del HDR su PlayStation 4 PRO. Come detto poc’anzi, le sorgenti HDR devono essere obbligatoriamente a 10 bit ma, come sappiamo, gli engine dei videogiochi sono per il 99% dei casi a 8 bit, quindi la domanda è: come facciamo ad utilizzare HDR nei videogiochi su PlayStation 4 PRO?! La risposta è molto semplice: Sony ha aggiunto all’interno della nuova Console una specie di convertitore, capace di trasformare un segnale a gamma standard in un segnale a gamma dinamica. Potremmo dire di essere davanti ad un HDR un po “zoppo” ma, credetemi, nonostante tutto riesce a portare sullo schermo un ottimo risultato con immagini molto più luminose e dai colori  estremamente fedeli alla realtà.sony-4k-hdr-logo-420-90

Indice