Home / Recensione / Sharkoon Rev 220: Dai una diversa inclinazione al tuo Hardware. Recensione

Sharkoon Rev 220: Dai una diversa inclinazione al tuo Hardware. Recensione

Il case all’interno

Cominciamo rimuovendo la parte frontale, cosi facendo accediamo ai filtri anti polvere e alle tre ventole presenti in questa zona. Potremmo montare AIO fino a 360 MM, ma facciamo attenzione ad una cosa, la posizione è più distante della configurazione originale. Questo comporta che se non abbiamo tubi abbastanza lunghi difficilmente riusciremo a montare un AIO da 360 MM. Tra le altre cose i tubi dovrebbero passare sopra la scheda video.

Rimosso il vetro temperato ci troviamo davanti alla piastra atta ad ospitare la scheda madre. Come più volte detto questa è ruotata di 90 gradi, portando le connessioni PCI verso l’alto. Il produttore ha inserito i passacavi sopra il PSU. Tale scelta come vedremo aiuta molto a tenere pulito il case. Il copri PSU permette di montare PSU lunghi fino a 20 CM, quindi anche in questo caso siamo tranquillamente negli standard ATX.

Sul retro troviamo lo spazio per alloggiare i cavi e il nostro controller RGB 5v. Questo ci permetterà di interfacciare l’illuminazione con il software della scheda madre. Oppure di gestire il tutto mediante il pulsante presente nella parte superiore del case. In questa zona troviamo la presenza di due posizioni per dischi da 3.5 MM e quattro da 2.5 MM.

Indice