Home / Recensione / Sharkoon Rev 220: Dai una diversa inclinazione al tuo Hardware. Recensione

Sharkoon Rev 220: Dai una diversa inclinazione al tuo Hardware. Recensione

Case in funzione

Cominciamo l’assemblaggio partendo dallo storage, le posizioni sono state pensate per ottimizzare gli spazi e permettere di ottenere il massimo dal retro del case. Le slitte si rimuovono per permettere un assemblaggio facilitato.

Passiamo al retro del case. Importantissimo gestire bene gli spazi nel copri PSU per far entrare tutto e non avere problemi di spazio. La gestione dei cavi è diversa rispetto agli altri case. I cavi sono tutti concentrati nella parte bassa del case.

Il frontale offre una vista particolare. Molto piacevole agli occhi e che sicuramente incuriosisce l’appassionato. Non capita tutti i giorni di vedere il mondo ruotato di 90 gradi. Come si può notare il risultato finale è particolarmente piacevole. Gli spazi sono tanti e sfruttati alla perfezione.

Dov’è la connettività posteriore? Nascosta da un bel pannello.

 

Accendiamo il nostro case.

L’illuminazione RGB è gestita in modo perfetto dal controller integrato. Sarete voi a scegliere se preferite o meno collegare l’illuminazione del case a quella della scheda madre.

Il produttore ci ha fornito due strip led 5V magnetiche. Le foto da questa in avanti sono con le due strisce montate. Abbiamo controllato tutto dal comodo controller montato sul retro e dal tastino posto nella parte superiore del case.

Indice