Home / Recensione / TEAC AI501DA

TEAC AI501DA

Recensione

USO COI FILM
Ogni tanto capita anche a me di vedere dei film e ho potuto sfruttare l’occasione di avere mia nipote a casa e spezzare lo stesso film un due visioni, potendo sfruttare la rara occasione filmica per sfruttare l’AI501 DA in due modi differenti.
Il primo modo è stato sfruttarlo come DAC e come amplificatore per diffusori. Il parlato era perfettamente intellegibile e distinguibile anche se vi erano altri rumori in contemporanea, il dettaglio era preciso e raffinato, se proprio mancava qualcosa era il surround.
La seconda visione mi ha permesso di sfruttare l’AI501 DA in un impianto surround. Semplicemente è bastato sfruttare l’ingresso analogico del TEAC e sfruttare l’amplificatore per i due frontali, il tutto gestito dalla scheda audio del computer.
Alias l’AI501 DA può essere sfruttato anche con i film in stereo tramite il suo DAC se non vi è spazio per un surround o se di tale feature poco vi interessate, sfruttabile in surround tramite un impianto intelligente e sicuramente non convenzionale.
USO IN GAME
Similmente come con i film per ottenere un surround basta pensare in modo non stereotipato e il TEAC AI502 DA è sfruttabile anche all’interno di un impianto surround (anche in cuffia dato che è fornito pure di amplificatore per cuffie).
In singolo sfruttando il DAC dell’AI501 DA tirando le somme si può dire che l’esperienza in game è estremamente appagante qualora il gioco per motivi di gameplay non necessiti di una forte componente surround: con simulatori di guida, gestionali, strategici e giochi di ruolo mi sono trovato molto bene con un suono sempre corrispondente alla situazione ed acusticamente appagante.
Solo con i simulatori di guerra dove la componente surround è fondamentale mi sono trovato privo di questo elemento, sebbene fossi dotato di un audio immersivo, dettagliato, preciso e realistico.
Poco male basta affiancarci una scheda audio e sfruttare l’ingresso analogico.
USO CON I DIFFUSORI

DSCN7833
I connettori usati da TEAC per le uscite di potenza sono dei comuni connettori a vite che accettano filo spelato fino a sezioni di 8mm2 circa (cosa che personalmente consiglio), connettori a forcella e a banana fornendo un ampio spettro di utilizzi.
Complice anche l’utilizzo di diffusori ad alta efficienza, complice l’adozione di un modulo in classe D della ABLETEC suona potente e pulito, e i V-meter non segnavano oltre lo 0.1% di THD.
Il suono che viene donato è completo dotato di bassi corposi, veloci e dinamici; medi precisi ed armoniosi; alti ben dettagliati e ariosi. Anche agli estremi in banda audio non si scompone eccessivamente e non si affatica nel suonare.
Gli spazi sono ben gestiti, c’è aria tra gli strumenti, le posizioni ben rispettate e l’immagine stereofonica che dona è piacevole all’ascolto nella sua precisione.
L’unico appunto si potrebbe fare dicendo che potrebbe suonare un filo meglio creando una sezione di preamplificazione migliore o un filo più potente, ma sono osservazioni che cadono sia davanti al costo a cui è proposto, sia davanti all’integrazione tra suono e spazi occupati dall’AI501 DA
USO CON LE CUFFIE
L’uscita cuffie consente l’utilizzo del solo jack 6.3” come tutti i dispositivi hi-fi.
Suona pulita e chiara senza alcun disturbo di sottofondo, tanto che i V-meter segnavano 0.3% di THD.
Il suono che ne esce è arioso, stereofonicamente ben posizionato, ma un po’ cupo. Dettaglio quest’ultimo evidente solo qualora si avesse esperienza di tanti amplificatori, di fascia superiore, dettaglio che potrebbe comunque essere ricercato da molti perché rende il suono meno affaticante per lunghi ascolti. Se siete in un qualche modo preoccupati da questo suono un po’ cupo, rassicuratevi perché è giusto come un aroma lasciato come leggero retrogusto in un piatto preparato da un capace chef, è proprio una nota un piccolo dettaglio che non si fa notare facilmente, perché essenzialmente non descrive completamente il carattere di questo amplificatore per cuffie.
I bassi sono infatti dotati di potenza e di corpo, ma non sono in alcun modo coprenti le altre gamme sonore. Con medi correttamente avanzati ed armoniosi. La gamma alta risulta cristallina e veloce.
In poche parole la sezione cuffie dell’AI501 DA presenta un suono completo.
VIDEORECENSIONE


Indice

Check Also

Sennheiser GSP350: una cuffia all in one.

RecensioneCRITICA A WORDPRESS Prima di lanciarci nella recensione credo sia giusto scusarmi con tutti i …