Home / Recensione / Fractal Design Meshify 2 e Meshify 2 XL. Recensione

Fractal Design Meshify 2 e Meshify 2 XL. Recensione

Introduzione

Dalla Svezia continuano ad arrivare tante novità e gli ultimi nati in questo strano 2020 sono i case della serie Meshify 2. Questi case portano con loro molti dei miglioramenti che abbiamo visto nei Define 7 ma ci giungono ad un prezzo inferiori per alcune scelte del produttore. Fractal Design infatti ha si introdotto in questi nuovi case tutto l’altissimo livello progettuale visto nei top di marca ma ha diminuito il bundle, eliminato i pannelli fono assorbenti e il doppio top. Una scelta che condividiamo perchè rendono i Meshify 2 molto più adatti al mercato gaming.

I due prodotti che recensiremo oggi sono Fractal Design Meshify 2 e Meshify 2 XL. Entrambi prodotti dall’alto livello qualitativo e da un ancora più alto livello progettuale. Sono entrambi case con frontale mesh e con ben tre ventole da 140MM per la gestione del flusso d’aria. Il produttore ha comunque reso entrambi molto spaziosi, infatti è praticamente impossibile avere problemi con schede video o dissipatori per CPU.

Il Meshify 2 XL può addirittura montare schede madri di formato SSI-EEB. Praticamente quelle con due CPU se non ce le avete presenti. Questo vi fa capire quanto sia grande la piastra della scheda madre. Entrambi i prodotti hanno un superbo supporto per radiatori, questo vi permetterà di poter assemblare buidl di fascia alta o estrema senza problemi.
Prima di procedere vi anticipo che entrambi i case possono trasformarsi nella modalità storage, permettendovi l’installazione di un numero spaventoso di HDD da 3.5 pollici. E in modo straordinario ci riescono senza distruggere l’estetica.

Qui troverete il nostro unboxing e le nostre analisi.

Indice