Home / Recensione / Noctua NH-L9i 17XX e NH-L9i 17XX chromax.black con NA-FD1 fan duct. Recensione

Noctua NH-L9i 17XX e NH-L9i 17XX chromax.black con NA-FD1 fan duct. Recensione

Configurazione e Test

L’hardware utilizzato nei nostri test.

Grazie ad AMD da questa recensione in poi sfrutteremo il Top di marca sul socket AM4, quindi il 1800x. I test verranno condotti a default e in OC a 4ghz.

 

Rumorosità e temperature

I test sono stati svolti con temperatura ambiente di 20 gradi.

Attenzione: vista la compatibilità con i soli sistemi 1700 intel i risultati non sono stati inseriti nei grafici.

Cominciamo la nostra disamina delle performance. Abbiamo condotto i Test su una Z690 Asus Prime DDR4 e con una CPU 12700 K. Il processore in questione sotto prime 95 tende a sforare i 220 watt, tanti per veramente molti dissipatori ad aria. Noctua dichiara una compatibilità parziale da questo punto di vista, ovviamente hanno più che ragione.

Senza modifiche al TDP abbiamo toccato i 99 gradi, ovviamente il processore taglia la frequenza avendo 100 gradi come limite massimo. Questa è una cosa più che normale, parliamo di 12 core fisici dissipati da un prodotto alto qualche centimetro.

Ovviamente non ci siamo fermati al primo test.

Impostando il TDP a 100w il nostro dissipatore ha fatto segnare 22 gradi in idle e 71 in full.

Impostando il TDP a 130w il nostro dissipatore ha fatto segnare 23 gradi in idle e 87 in full.

Questi risultati sono ottimi, sotto tutti i punti di vista, riuscire a sorreggere un 10 core sotto Prime 95 per un ora con queste temperature massime è sicuramente un risultato molto più che positivo.

I risultati sono identici per i due dissipatori.

Con il NA-FD1 fan duct abbiamo ricreato l’angusta situazione di un case super compatto, lasciando una presa d’aria difronte alla ventola.

Senza di esso con TDP a 100 W abbiamo toccato i 79 gradi dopo un ora di stress test, l’aria calda ristagnante provoca un innalzamento delle temperature.
Inserendo il fan duct su misura siamo scesi a ben 74 gradi! Questo perchè l’aria presa dalla ventola era quasi totalmente proveniente dall’esterno del case.

Test con il Ryzen 1800x.
Ryzen 1800x a stock.

Ryzen 1800x a 4Ghz.

Test precedenti di dissipatori con il Ryzen 1600.
Ryzen 1600 a stock.

Ryzen 1600 a 3.8Ghz.

Sistema di montaggio.

Il sistema di montaggio è elementare, vi basterà inserire le quattro viti dal retro della scheda madre e il gioco è fatto.

Indice